Donna Moderna
FocusJunior.it > Video > Curiosità > Leonardo da Vinci al museo Nazionale di Milano | Guarda il nostro video in esclusiva

Leonardo da Vinci al museo Nazionale di Milano | Guarda il nostro video in esclusiva

Stampa

Quest'anno si celebrano i 500 anni dalla morte di un artista universale: il grande Leonardo da Vinci. In Italia e in Europa centinaia di manifestazioni e di mostre presentano la vita e le opere dello straordinario artista italiano. E noi ve lo raccontiamo con un video esclusivo, girato al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, insieme con due ospiti d'eccezione. Scopri tutto, leggi l'articolo!

Focus Junior è stato al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" di Milano per scoprire tutto sul grande Leonardo da Vinci!

Il focusino Francesco ha intervistato Eleonora Scola, grande esperta del maestro di Vinci e responsabile, per il museo milanese, della sezione i Lab a lui dedicata.

Leonardo ingegnere, Leonardo artista e stratega militare, Leonardo progettista e inventore, Leonardo uomo e perfino Leonardo bambino: Eleonora e il bravissimo Francesco hanno parlato di questi e altri aspetti della vita e delle opere del grande artista.

Per esempio: è vero che Leonardo è stato un agente segreto come 007? Oppure, è vero che era un extraterrestre? O che è stato uno dei primi uomini a studiare il volo in modo scientifico? E ancora, è vero che ha inventato la prima tuta da... sub e la macchina a vapore?

Lo sapevi che...
  • Leonardo era un grande osservatore della Natura e studiò approfonditamente il volo degli uccelli per comprendere i meccanismi da applicare a macchine che avrebbero permesso di realizzare il suo grande sogno: portare l'uomo a librarsi in aria!
  • Leonardo nacque il 15 aprile 1452 come figlio illegittimo di Ser Piero da Vinci, un piccolo borgo vicino a Firenze, e fin da piccolo dimostrò di essere una persona molto speciale. Tra le tante "stravaganze", Leonardo era mancino (abitudine che all'epoca doveva essere corretta, perché la mano sinistra era quella del Diavolo!) ed era solito scrivere da destra verso sinistra, anziché da sinistra verso destro come la gente comune.
  • In tanti pensano che l'abitudine di scrivere da destra verso sinistra derivasse dalla volontà di rendere incomprensibili i suoi scritti agli estranei, ma in realtà era solo questione di comodità, perché usando questo metodo non rischiava di rovinare con la mano sinistra ciò che aveva appena trascritto con l'inchiostro fresco.

SCOPRI QUESTE E ALTRE CURIOSITÀ CON IL NOSTRO VIDEO!