Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Youtuber > Come diventare YouTuber: consigli per il primo video

Come diventare YouTuber: consigli per il primo video

Stampa

In questa nuovo episodio del nostro Social Lab dedicato a YouTube vediamo cosa bisogna fare una volta che si schiaccia il tasto “REC” della videocamera. Anche se non siete (ancora) dei provetti registi, potete realizzare video divertenti e ben fatti seguendo qualche precisa indicazione.

Il primo video è un passo decisivo nella carriera dello YouTuber: compiuto quello, tutto sembrerà più semplice poiché gli immancabili errori aiuteranno a migliorarsi volta per volta. Ecco allora qualche dritta per realizzare al meglio la vostra "opera prima" sul Web,

CONTROLLARE L'ATTREZZATURA

Come qualsiasi alta attività, l’abbiamo detto tante volte, bisogna avere un po’ di organizzazione, specialmente quando si realizza il primo video. Quindi, la prima cosa da fare, è controllare l’attrezzatura. Una volta deciso quando e dove girare e convocati i protagonisti, tutto deve essere in ordine, tutto deve funzionare.

La videocamera deve essere pronta a registrare, le batterie devono essere cariche, la scheda di memoria deve avere lo spazio sufficiente per le riprese, possibilmente ci deve essere anche il microfono, il cavalletto e almeno una luce di supporto. Prima di iniziare preparate una semplice lista e spuntate ogni elemento per essere certi di non dimenticare nulla.

COSA FA IL REGISTA

Anche se farai tutto da solo e sei sarai tu il solo protagonista del video, non potrai fare a meno di vestire i panni del regista. Il tuo compito riguarda essenzialmente tre aspetti: dirigere gli attori, coordinare lo staff tecnico (gli amici che ti daranno una mano con le luci, con la scenografia, ecc..), scegliere le inquadrature.

DIRIGERE GLI ATTORI

Devi considerare gli attori come “strumenti” utili a realizzare la scena che hai in mente. Qui conta davvero solo la tua parola, anche se i bravi attori aggiungono sempre qualcosa di personale e insostituibile al lavoro del regista. Il punto critico è uno solo: la recitazione.

Ovviamente all’inizio gli attori del tuo filmato saranno i tuoi amici e i tuoi parenti, quindi non tutti saranno tecnicamente preparati. Dovrai scegliere allora le persone che ti sembrano più predisposte e spiegare bene cosa vuoi. Con un po’ di prove e un po’ di pazienza otterrai un buon risultato.

L’altro elemento importante è la motivazione. Il regista è un po’ anche un coach che sa lavorare con l’attore, che lo incentiva a dare il meglio. Devi fare in modo che i tuoi attori siano felici di lavorare con te. Se il protagonista dei tuoi video sei tu e ne sei anche il regista, cerca di essere oggettivo e datti un voto. Nessuno è mai perfetto la prima volta, ma puoi sempre migliorare studiando e osservando chi fa le stesse cose in modo eccellente.

DIRIGERE IL CAST TECNICO

Ci vuole un po’ di talento anche nel gestire tutti gli aiutanti, quelli che rimangono dietro la macchina da presa ma che sono fondamentali per la riuscita del tuo video. Anche in questo caso bisogna avere le idee chiare e trasferirle ai “collaboratori”. Soprattutto all’inizio è probabile che farai molte cose da solo, ma ti capiterà certamente di chiedere aiuto ai tuoi amici o ai tuoi genitori e allora ognuno dovrà fare esattamente quello che hai chiesto.

Qui valgono solo due semplici consigli: essere gentile e avere molta pazienza.

SCEGLIERE LE INQUADRATURE

La definizione di inquadratura è molto semplice: è la porzione di spazio inquadrata dall’obiettivo della videocamera. Tutto ciò che resta fuori dall’inquadratura è quindi considerato “fuori campo”.

L’inquadratura riprende un momento preciso di una scena in un determinato spazio, l’insieme di più inquadrature compongono una scena. Primi piani, dettagli, particolari, ecc., sono di fatto il modo attraverso il quale il regista “interpreta e vede” il suo film, è qui che esprime tutta la sua creatività. E’ un po’ come quando uno scrittore sceglie le parole da usare per scrivere il suo romanzo. Qui hai la totale libertà, non esistono regole fisse, l’importante è raccontare qualcosa in modo coerente, cioè che sia comprensibile a chi guarderà il tuo capolavoro.


Nella sesta lezione del nostro Social Lab inizieremo a usare la telecamera e cercheremo di capire meglio quali sono le inquadrature migliori e come utilizzarle per ottenere un video dal look davvero professionale.

Guarda anche le lezioni precedenti:

1 - Come diventare Youtuber: cos'è e come funziona YouTube

2 - Come diventare Youtuber: cosa serve per iniziare

3  - Come diventare Youtuber: cosa e come raccontare con i video

4 - Come diventare YouTuber: l'idea, la scaletta e la sceneggiatura