Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Trucchi e segreti | Come funziona l’Xbox Kinect

Trucchi e segreti | Come funziona l’Xbox Kinect

Stampa

Alcuni di voi avranno ricevuto in regalo per Natale la console Xbox con Kinect, lo scatolino che permette di giocare semplicemente muovendosi davanti allo schermo. Ma come funziona? Come fa a riconoscere i giocatori?

Come funziona Kinect. Come fa a riconoscere i giocatori, i loro movimenti, le cose che dicono, e a trasformarli in comandi del gioco?  Il segreto di Microsoft Kinect sta in tre componenti fondamentali e nel software di controllo, che è il vero cervello di Kinect. Vediamoli.

 

La videocamera

La videocamera è piccolissima , e serve per riconoscere i giocatori: l'immagine che riprende viene infatti inviata al software di controllo (è lui, che fa funzionare Kinect) e, questo software, distingue le varie parti del corpo, tra cui i volti, e li abbina al corrispondente personaggio del videogioco (avatar).

 

Il sensore di distanza

Il sensore di distanza è composto da un proiettore di raggi infrarossi e da un sensore capace di riceverli. In pratica, i raggi emessi dal proiettore rimbalzano sul corpo dei giocatori e vengono riflessi nuovamente verso il Kinect. In questo modo il sistema “capisce” dove si trovano i giocatori e in che modo si muovono. I raggi infrarossi, che sono un tipo di luce che l'occhio umano non può vedere, sono usati anche nel telecomando della tv.

 

Il microfono

Più che un microfono è un sistema di microfoni . Quattro, per la precisione. Lavorano assieme e sanno distinguere la voce del giocatore che dà ordini al gioco dai disturbi dell'ambiente.

 

Il software

Il software è il vero cuore pulsante del Kinect. È lui, infatti, che interpreta e riconosce e gestisce i segnali rilevati dai tre componenti hardware. Pensa: quando accendi l'Xbox, per prima cosa il software del Kinect analizza la forma della stanza in cui ti trovi e configura lo spazio in cui ti muoverai quando giochi. Subito dopo fissa ben 48 punti sul corpo di ciascun giocatore per poter costruire il tuo avatar, il personaggio che vedi sulla tv.
La cosa strabiliante è che questo software non risponde in modo meccanico. Infatti, se due giocatori fanno lo stesso movimento, il software reagisce diversamente, perché capisce le piccole differenze di esecuzione e “impara”.

 

Milioni di dati analizzati!

Per raggiungere questo risultato, che a noi sembra così naturale, i tecnici di Microsoft hanno dovuto immagazzinare e analizzare milioni di dati che rappresentavano il modo di muoversi e di comportarsi di persone di età diverse , con diverso aspetto fisico, sesso e modo di vestire! Poi, partendo da questi dati, sono riusciti a classificare il vari tipi di movimenti che compie lo scheletro e a far sì che il Kinect sia in grado di riconoscerli e analizzarli per ben 30 volte al secondo , per trasformarli in azioni sullo schermo tv!

 

E voi? Avete mai giocato Xbox e Kinect? Vi piace o preferite il tradizionale gamepad?