Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Scuola e minacce dal telefonino: 5 consigli per non correre rischi

Scuola e minacce dal telefonino: 5 consigli per non correre rischi

Stampa

Mancano pochissimi giorni al rientro a scuola e, assieme con i compiti e lo studio tornano in primo piano le minacce via web che, complice lo smartphone sempre acceso, rischiano di crearci più di un problema. Ecco come ci si deve comportare per non correre rischi!

Avete uno smartphone? Leggete questo articolo insieme alla mamma o al papà. Non lo avete ancora? Tranquilli lo avrete presto e in questo caso... leggete questo articolo con la mamma o il papà! Assieme a Sophos, un'importante società che si occupa di sicurezza, vi diamo 5 facili ma utili consigli per non correre rischi con lo smartphone. 

 

E non dimenticate che, qualsiasi cosa scriverete sui social o via email, essere educati online è importante tanto quanto esserlo di persona.

Cinque consigli utili

1) Non pubblicare sui social pensieri o foto che non volete siano viste in giro

pixabay

Quasi tutto quello che si mette online sui social (su Facebook ma anche su Whatsapp, neh!) non viene visto solo dai propri amici o dai propri familiari: se i vostri post sono pubblici chiunque può vederli. E, soprattutto, ciò che condividete ha una lunghissima vita online. Come se non bastasse, anche se le applicazioni vi dicono che il contenuto condiviso verrà cancellato c’è sempre la possibilità di recuperarlo.

 

2) Rendete i vostri profili social visibili solo agli amici e non scriveteci troppe informazioni

Una buona idea è di tenere i propri profili social privati. Cioè renderli visibili solo agli amici: in questo modo si può controllare chi vede cosa.

Le impostazioni per la privacy sono diverse per ogni social quindi... controllatele. E tenete conto che spesso cambiano: vanno ri-verificate ogni tanto. E sempre, assieme con i vostri genitori, quando il social vi manda dei messaggi al riguardo.

 

Alcune app dicono che quanto avete condiviso sarà visibile solo temporaneamente ma non potete essere certi che qualcuno non catturi una schermata e la condivida con altre persone, che magari non conoscete o a cui non volete parlare di quell'argomento. E ricordate di non condividere sui social informazioni importanti come il luogo in cui vi trovate, l’indirizzo di casa o il numero di cellulare.

 

3) Occhio alla password!

Usare la stessa password per tutti i profili social e per tutti i siti sembra un'ideona, facile e efficace. Invece è una pessima idea: se qualcuno riesce ad ottenere la vostra email e la password che usate per un sito, potrà accedere a qualunque vostro altro profilo social e spacciarsi per voi. Questo è precisamente il modo in cui operano gli hacker: non appena sono giunti in possesso di una password proveranno a usarla anche per altri siti e servizi social. E se è la stessa... siete fritti.

 

Il nome/indirizzo email che usate per collegarvi ai social e le relative password non vanno condivise nemmeno con gli amici. Se lo fate e, per esempio, il vostro amico perde il telefono, tutti i dati di collegamento ai social (account) possono essere a rischio. Perciò la regola è: non condividere gli account!

 

4) Fate molta attenzione a ciò che scaricate

Ci sono tantissime applicazioni o programmi scaricabili facilmente che possono bloccare o guastare il vostro telefono, il pc o il tablet. E che, in qualche caso, possono mettere a rischio i dati personali vostri e della vostra famiglia perché quelle app sono fatte proprio per quello: rubare la vostra identità!

 

Prima di cliccare e scaricare programmi pensateci bene. Anche (soprattutto!) se si tratta di un link divertente, di un'app o di una pubblicità per ottenere un software gratis.

 

Se volete scaricare app sul telefono fatelo dal negozio ufficiale (lo store): è più sicuro che scaricarla da un sito qualunque.

 

5) Uscite sempre dalle app e mettete un codice di sicurezza al telefono

pixabay

Quando avete finito di usare un’app o di visitare un sito ricordatevi di “chiudere” l'una o l'altro usando la procedura prevista (cioè facendo “log out” cliccando sull'icona “esci”). Questa precauzione è fondamentale se state usando un computer pubblico, per esempio in una biblioteca. Se non lo fate è come se permetteste alla persona che userà quel pc dopo di voi di usare il vostro profilo Facebook, di andare sull’Apple Store o di leggere le vostre e-mail. In pratica si potrebbe spacciare per voi.

 

Aggiungete, poi, un codice di sicurezza personalizzato al vostro telefono: può sembrare una perdita di tempo invece è utilissimo perché tiene le vostre applicazioni e le informazioni personali al sicuro. Inoltre scoraggia gli amici dal fare scherzi scemi usando il vostro smartphone o il tablet che magari avete lasciato momentaneamente incustodito.

 

Attivare un codice di sicurezza è facilissimo (lo potete fare dal menu impostazioni del telefono) ma, se avete dei dubbi, fatevi aiutare da mamma o papà.