Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > La storia dei selfie

La storia dei selfie

Stampa
La storia dei selfie
Alamy-IPA

Dove sono nati i selfie? E chi li ha inventati? Ecco un racconto affascinante e curioso sul famoso autoscatto!

I selfie e gli usie

Tutti voi avete sentito parlare dei selfie, e forse ne avete pure fatti molti. Si prende il cellulare e ci si scatta una foto in un particolare momento o soltanto per immortalarsi e pubblicare l'immagine sui social network.

Oppure, si fa un selfie di gruppo, insieme agli amici, alla famiglia, ai compagni di scuola o della vostra squadra sportiva, anche se il vero nome del selfie di gruppo, in gergo e in lingua inglese, si chiama usie da “us” (in italiano “noi”). Nella lingua italiana, invece, basterebbe usare una parola molto semplice, ma certamente più lunga, equivalente a “selfie”, ossia auto-scatto. Anche se nel 2014 lo Zingarelli ha inserito la parola inglese nel dizionario italiano.

Qualcuno con “selfie” definisce anche l'autoritratto. E la parola “selfie” deriva proprio dall'inglese “self-portrait”, che significa “autoritratto”. Ma in realtà c'è un po' di differenza: l'autoritratto è una foto di sé stessi con fini artistici e creativi; l'autoscatto, ossia il selfie, ha in realtà il solo obiettivo di auto-rappresentarsi, senza particolari fini creativi o artistici, ma solo con tanta voglia di farsi vedere dagli altri.

 

Quando è nata la parola “selfie”?

Molti pensano che il selfie sia nato da pochi anni. In realtà è la parola che è nata da pochi anni, coniata nel 2005 – secondo ciò che ritengono in molti - dallo scrittore Jim Krause, ma iniziata ad essere in voga solo a partire dal 2010 con la nascita dell'iPhone4, il primo cellulare ad avere una fotocamera anteriore.

Nel 2013 l'Oxford English Dictionary ha eletto “selfie” parola dell'anno. da allora si decise di eleggere il 21 giugno come Giornata Mondiale del Selfie!

In questi anni, con il diffondersi mondiale degli utenti dei social network come Facebook, Twitter, Instagram e altri, stiamo assistendo ad una vera e propria invasione di selfie.

Tutti si fanno i selfie o gli usie (autoscatti di gruppo, come dicevamo): dalle persone comuni ai politici e ai grandi capi di Stato come ad esempio Barack Obama; non parliamo degli sportivi (famoso è stato l'autoscatto di gruppo di Usain Bolt nel pubblico dopo la vittoria della medaglia d'oro alle ultime Olimpiadi) e delle star dello spettacolo, della televisione, del cinema. E perfino Papa Francesco è stato immortalato in un selfie.

Ogni giorno sono migliaia e migliaia i selfie e gli usie che vengono pubblicati sui social network. Ma pensate che i selfie abbiamo iniziato a farceli da pochi anni? Anche se non è facile da credere, c'è chi i selfie li faceva cento anni fa e anche di più...

Papa Francesco si fa un selfie | Wikimedia Commons
1839: il primo selfie della storia

A quanto pare il primo selfie della storia risale addirittura al 1839, ossia una decina d'anni dopo l'invenzione della fotografia. Esso fu opera del fotografo americano Robert Cornelius, di Filadelfia. Ma c'è anche una nobile che amava farsi i selfie. All'inizio del '900 Anastasia Nikolaevna, piccola figlia dell’ultimo zar di Russia Nicola II, si scattò allo specchio molte foto con la sua Kodak.

Anastasia Nikolaevna | Wikimedia Commons

1920, il primo “usie”

Si chiamavano Joe Byron, Pirie MacDonald, Colonel Marceau, Pop Core e Ben Falk, ed erano i cinque Lord della Byron Company. Nel dicembre del 1920, a New York, si scattarono il primo selfie di gruppo, ossia il primo usie, della storia.