Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > La nanotecnologia ci permetterà di ricaricare gli Smartphone in pochi secondi?

La nanotecnologia ci permetterà di ricaricare gli Smartphone in pochi secondi?

Stampa

Nuove tecnologie microscopiche potrebbero rendere la ricarica di smartphone o altri dispositivi portatili una questione di pochi attimi. Come? Scoprilo con Focus Junior!

Addio al terrore che ci assale quando dobbiamo uscire di casa e lo smartphone segna il 10% di batteria. In futuro basteranno pochi secondi per ricaricare i nostri dispositivi portatili!

Come?

Principali alleati in questa corsa all'efficenza tecnologica saranno le nanotecnologie, ovvero quelle componenti elettroniche e fisiche che, in virtù delle misure ultra-ridotte (meno di un millesimo di millimetro!), garantiscono altissime prestazioni e ingombri pressoché nulli.

 

Proprio di nanotecnologia si è infatti occupato un team di ricerca dell'Università della Florida Centrale, il quale è riuscito a mettere a punto dei super condensatori flessibili in grado di incamerare energia a velocità infinitamente maggiore rispetto alle moderne batterie al litio.

 

Il progetto pubblicato su ACS Nano, fa leva sulla sintesi chimica di materiali dello spessore di un solo atomo per realizzare milioni di minuscoli filamenti che rendono il trasferimento di elettroni (e quindi di energia), assai più facile e veloce.

University of Central Florida

Inoltre, la particolare composizione di tali super condensatori renderebbe simili batterie molto più durature di quelle odierne dato che potrebbero durare per oltre 30.000 cicli di ricarica senza perdere la propria efficacia (contro le poche migliaia delle batterie attuali).

 

Il sistema è ancora in fase di sperimentazione, ma i nerd di tutto il mondo stanno già aspettando con impazienza i caricatori ad alta velocità!