Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Invenzioni > Drone pipistrello, realizzato il primo che vola al buio

Drone pipistrello, realizzato il primo che vola al buio

Stampa
Drone pipistrello, realizzato il primo che vola al buio
Pixabay

Vi piacciono i teneri pipistrelli e amate la scienza? Sappiate allora che alcuni ricercatori americani hanno realizzato il primo "drone pipistrello" in grado di volare al buio. Affascinante!

Alcuni ricercatori del College di Ingegneria e Scienze applicate dell'Università di Cincinnati hanno realizzato il primo "drone pipistrello" in grado di volare al buio.

Realizzato il primo drone pipistrello, dotato della capacità di orientarsi con l'ecolocalizzazione

Questi droni particolari possono essere pilotati manualmente tramite satelliti, videocamere, radar. L'aspetto davvero innovativo è che avrebbero la capacità di osservare ed evitare gli ostacoli grazie ad un sistema di ecolocalizzazione, tipico dei pipistrelli veri.

L'ecolocalizzazione sarebbe estremamente utile in ambienti chiusi o con poca visibilità. Dieter Vanderelst, coordinatore del progetto, ha dichiarato: "Si pensa che un fiore sia facile da individuare perché è colorato e si distingue dal verde del bosco, ma il colore non significa nulla di notte. La capacità dei pipistrelli di scansionare le foglie per trovare i fiori è incredibile".

I pipistrelli non vedono, eppure sono grandi cacciatori e non urtano nulla
Infatti, i pipistrelli, quando volano al buio, non urtano nulla e cacciano anche con una precisione incredibile. Ciò accade appunto grazie all'ecolocalizzazione, sistema sofisticato che consente ai piccoli mammiferi di avere l'orientamento senza la vista e tramite l'emissione di ultrasuoni e l'ascolto degli echi riflessi.

Vanderelst per adesso ha costruito solo un robot che usa l'ecolocalizzazione per muoversi: ha le dimensioni di uno Yorkshire terrier, tre ruote, una serie di microfoni che emettono ultrasuoni e sensori per rilevare l'eco. In seguito i ricercatori applicheranno questa tecnologia anche ai droni.

Il progetto dell'Università di Cincinnati ha addirittura attirato l'attenzione del Dipartimento di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Complimenti ragazzi!

Vuoi saperne di più? Consulta le sezioni animali e scienza del magazine!