Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Il treno supersonico che parla un po’ italiano: ecco la sfida dell’Hyperloop!

Il treno supersonico che parla un po’ italiano: ecco la sfida dell’Hyperloop!

Stampa
Il treno supersonico che parla un po’ italiano: ecco la sfida dell’Hyperloop!

Diversi gruppi in tutti il mondo si stanno sfidando per realizzare prima degli altri una tecnologia in grado di spostare merci e passeggeri a velocità pazzesche. Tra queste anche un'azienda di Monopoli, in Puglia, specializzata in sicurezza ferroviaria!

Un treno capace di raggiungere i 1.220 km/h e coprire la distanza tra Milano e Roma in circa 40 minuti. Non è fantascienza ma un progetto già in atto e l'ingegno italiano può giocarvi un ruolo di primo piano.

 

Hyperloop, la tecnologia della super-velocità

la tecnologia che permetterà di raggiungere un simile traguardo si chiama Hyperloop, un progetto open-source che prevede il trasporto di merci e passeggeri a velocità fantascientifiche.

Cosa significa open-source?

Un open-source ("sorgente aperta") è un progetto "aperto" a cui più ingegneri e aziende concorrenti (dopo aver ottenuto tutti i permessi) possono lavorare nello stesso tempo e in forma indipendente per migliorarla e realizzarla in forma definitiva. Insomma, una specie di gara per chi arriva prima alla soluzione migliore!

Tra i gruppi lanciati nella sfida vi è una start-up canadese, la TransPodInc, che ha stretto un partner di collaborazione con la MerMec, azienda italiana con sede è a Monopoli, in Puglia, che ha progettato i sistemi di sicurezza delle più importanti ferrovie e reti metropolitane del mondo (Londra, Seul, Parigi, Madrid ecc...).

A lei è affidata il sistema di controllo delle capsule del super-treno che potrebbe collegare le città canadesi di Toronto e Montreal.

 

Come funziona il treno supersonico?

Tutto, dal design al funzionamento, è decisamente innovativo.

Innanzitutto non vi saranno più binari ma lunghi tubi sostenuti da alti piloni che conterranno il passaggio dei pod, piccole capsule dalla capienza di massimo 27 passeggeri che sostituiranno i vagoni e sfrecceranno a velocità mai viste prima (quasi 1.000 chilometri orari di media).

Reuters

Ciò sarà possibile grazie alla levitazione magnetica che, tenendo sospeso il mezzo, elimina l'attrito con le rotaie e permette accelerazioni molto maggiori.

E i passeggeri?

L'elevata velocità non dovrebbe creare grandi difficoltà alle persone a bordo, anche se gli spazi più stretti e l'assenza di vere finestre (a quella velocità l'sterno sarebbe solo una macchia indistinta) potrebbero comportare una sensazione un po' claustrofobica.

Niente paura però: nei progetti italo-canadesi sono previste luci confortevoli e video alle pareti che simuleranno il paesaggio attraversato dal super-treno!

 

GUARDA IL VIDEO DI UN TEST CHE MOSTRA IL POTENZIALE DELLA VELOCITÀ TARGATA HYPERLOOP