Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Che cos’è il codice Morse?

Che cos’è il codice Morse?

Stampa

Che cos'è il codice Morse? A cosa serve? E chi lo ha inventato? Scopri tutto su questo "linguaggio" per messaggi segreti.

Il codice Morse è un sistema che trasmette lettere, segni di punteggiatura e numeri per mezzo di codici a intermittenza. Questo alfabeto venne inventato nel 1835 dall'americano Samuel Morse (da cui prende il nome) e venne perfezionato da uno dei suoi collaboratori, Alfred Vail.

Il codice Morse è stato il primo sistema moderno di trasmissione a distanza di messaggi. Ed è anche un ottimo sistema per mandare bigliettini segreti, che ormai nessuno, anche se li dovesse intercettare, sarebbe in grado di leggere. Ecco lo schema delle lettere e dei numeri del codice Morse

Il codice Morse si basa su cinque semplici stadi: il punto, la linea, l'intervallo breve, l'intervallo medio e l'intervallo lungo. Ogni punto e ogni linea, disposti in una precisa sequenza, rappresentano una lettera o un numero, mentre gli intervalli rappresentano le pause , da quella breve (tra lettera e lettera), a quella media (tra una parola e l'altra), a quella più lunga (pausa tra le frasi).

COME FUNZIONA?

Il messaggio Morse viene trasmesso inviando un  impulso elettrico lungo un filo che collegava le stazioni trasmittente e ricevente, ossia  mediante l'uso del telegrafo (inventato dallo stesso Morse). Agli inizi del XX secolo, al telegrafo a filo di Morse venne affiancato quello senza fili grazie all'invenzione attribuita all'italiano Guglielmo Marconi: la radio.

Il codice Morse è stato subito considerato anche un ottimo strumento per mandare  messaggi  segreti  tanto che, fino al 1999, è rimasto uno dei metodi di comunicazione segreta più diffuso.

Se vuoi mandare anche tu dei messaggi segreti clicca sul link per scoprire come   creare facilmente dei messaggi criptati in codice Morse.