Donna Moderna
FocusJunior.it > Tecnologia > Bitcoin, cosa sono e come funzionano

Bitcoin, cosa sono e come funzionano

Stampa

Una moneta elettronica, nata nel 2009: è il Bitcoin, che serve ad acquistare beni e servizi senza tirare fuori dal portafogli i propri euro. Curiosi di scoprire come funziona?

E se vi dicessimo che su internet si possono fare acquisti senza aprire il portafogli? Sembra un sogno vero? Eppure si può fare, con il Bitcoin.

 

Il Bitcoin è infatti una moneta elettronica nata nel 2009 dalla geniale intuizione dell’inventore conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. 
 

Il Bitcoin ha di fatto inaugurato l’era delle “criptovalute” e, sebbene oggi ne esistano centinaia, il Bitcoin resta la più famosa. In pratica, la criptovaluta (“moneta nascosta”) è un mezzo di scambio, proprio come l’euro, ma a differenza di quest’ultimo è digitale e non fisico. Inoltre, diversamente dalla maggior parte delle monete tradizionali esistenti, Bitcoin non fa capo ad un ente o un’organizzazione centrale: la sicurezza e la struttura stessa del sistema sono affidate ad un database distribuito in una rete di computer connessi tra loro.

Pixabay

Come ottenere e utilizzare i Bitcoin

Ma, senza addentrarci troppo nella complessità tecnica di questa struttura, scopriamo come si possono ottenere i Bitcoin e come si possono utilizzare. 

Anzitutto, l’economia di questa sistema è ancora molto piccola se paragonata a quella delle normali valute eppure, di anno in anno, si aggiungono nuove aziende o enti all’elenco di quelli che accettano tale forma di pagamento. Già ora The Pirate Bay, Free Software Foundation e Wikimedia Foundation accettando questo sistema ed è possibile, tramite degli intermediari, fare acquisti anche su Amazon e eBay, comprare giochi, musica e libri.  Quindi, praticamente, i Bitcoin possono essere utilizzati per acquistare dei beni reali.

Wikipedia

 

Per iscriversi non si deve firmare nulla. Basta registrarsi sul sito bitcoin.org ed ottenere un proprio indirizzo Bitcoin che servirà per ricevere o inviare denaro. Dopo di che, Bitcoin permetterà di inviare e ricevere pagamenti a costo molto basso:  eccetto infatti che per i micro-pagamenti, non vi sarà alcuna commissione applicata. 

 

I Bitcoin si possono ottenere in due modi: il primo è, banalmente, offrendo qualcosa in cambio. Si possono infatti “vendere” prodotti, oggetti, siti internet o altri servizi online chiedendo in cambio moneta crittografata al posto di una normale valuta. L’altra via invece, quella forse più semplice, è acquistare direttamente queste monete scambiandole con una valuta reale. Si possono ovviamente acquistare anche frazioni di un Bitcoin visto che, al momento in cui scriviamo, un Bitcoin è valutato più di 500€.

Pixabay

 

Chi è Satoshi Nakamoto

Ma chi è Satoshi Nakamoto, l’inventore del Bitcoin?  Le teorie sono molte. Anzitutto, nessuno sa se sia un 'lui', una 'lei' oppure se si tratti un team di studiosi. Fatto sta che in giapponese “satoshi” significa “pensiero chiaro, veloce”, “naka”  indica una “relazione” e “moto” indica “un’origine” o “un fondamento”.

 

 

Fonte: bitcoin.org