Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itScuolaStoriaPerché durante il Ramadan si digiuna?

Perché durante il Ramadan si digiuna?

Stampa
Perché durante il Ramadan si digiuna?
Getty Images

Quest’anno il Ramadan è iniziato il 10 marzo, nel nono mese del calendario lunare islamico. Dura 29 o 30 giorni, a seconda di quando la nuova luna crescente è o dovrebbe essere visibile. Scopriamo di più su questo mese sacro per i musulmani

Il Ramadan corrisponde al nono mese del calendario musulmano e il mese del sacro di digiuno. Poiché l' anno del calendario musulmano è più breve dell'anno del calendario gregoriano, il Ramadan inizia 10-12 giorni prima dell'anno porecedente, evento che permette di cadere in ogni stagione durante un ciclo di 33 anni.

Che cosa significa la parola Ramadan?

Il termine arabo Ramadan indica “un caldo intenso”. Sembra che nell'Arabia preislamica Ramadan fosse il nome di un torrido mese estivo. E un anno islamico è di circa 11 giorni più corto di un anno gregoriano.

Perché si osserva il Ramadan?

Il Ramadan è un periodo di digiuno e crescita spirituale ed è uno dei cinque “pilastri dell'Islam” – gli altri sono la dichiarazione di fede, la preghiera quotidiana, l'elemosina e il pellegrinaggio alla Mecca. In questo periodo i musulmani dovrebbero astenersi dal mangiare, dal bere e dai rapporti sessuali dall'alba al tramonto ogni giorno del mese. I fedeli più osservanti eseguono anche preghiere aggiuntive, specialmente di notte, e tentano di recitare l'intero Corano. La credenza prevalente tra i musulmani è che fu nelle ultime 10 notti del Ramadan che il Corano fu rivelato per la prima volta al profeta Maometto.

Come si spiega il legame tra anima e corpo nell’osservare del Ramadan?

Il Corano afferma che il digiuno sia stato prescritto ai credenti in modo che possano essere più consapevoli di Dio. Astenendosi da pratiche che si tende a dare per scontate, per esempio bere acqua, si ritiene che si possa essere spinti a riflettere sullo scopo della vita e ad avvicinarsi al creatore e sostenitore di tutta l'esistenza. Molti musulmani sostengono anche che il digiuno permette loro di provare un senso di povertà e questo può favorire sentimenti di empatia.

Si può saltare il digiuno per motivi validi? Se sì, si devono recuperare i giorni persi?

Sono esentati dall'obbligo del digiuno tutti coloro che sono fisicamente limitati (per esempio, a causa di una malattia o di vecchiaia); lo stesso vale per chiunque sia in viaggio. Coloro che sono in grado di farlo sono tenuti a recuperare i giorni persi in un secondo momento. Si potrebbe potenzialmente recuperare tutti i giorni persi nel mese immediatamente successivo al Ramadan, il mese di Shawwal, il decimo mese del calendario islamico.

Qual è il significato dei 29 o 30 giorni di digiuno?

Il Ramadan è spesso paragonato a un campo di addestramento spirituale. Oltre a provare sentimenti di fame e sete, i credenti spesso devono affrontare la stanchezza a causa delle preghiere notturne e dei pasti prima dell'alba. Soprattutto durante le ultime 10 notti del mese. Oltre a essere il periodo in cui si credeva che il Corano fosse stato rivelato per la prima volta, questo è un momento in cui si crede che le ricompense divine siano moltiplicate.

I musulmani celebrano la fine del Ramadan?

La fine del Ramadan segna l'inizio di una delle due principali festività islamiche Eid al-Fitr , la "festa della rottura del digiuno". In questo giorno, molti musulmani partecipano a una funzione religiosa, visitano parenti e amici e si scambiano doni.

CATEGORY: 1