Donna Moderna
FocusJunior.it > Junior reporter news > junior reporter, un termometro dispettoso non vuole essere messo sotto l’ascella

junior reporter, un termometro dispettoso non vuole essere messo sotto l’ascella

Stampa
junior reporter, un termometro dispettoso non vuole essere messo sotto l’ascella
ironstealth / Alamy / IPA

La focusina Giorgia ci racconta la storia di un bambino bravo che vuole andare a scuola e di un termometro dispettoso e poco collaborativo

C’era una volta un bambino con dei meravigliosi occhi turchesi e i capelli castani. Si chiamava Filippo e viveva a New York insieme a suo padre, poiché i genitori si erano lasciati poco dopo la sua nascita. Filippo era molto bello, ma non di certo stupido. Amava infatti andare a scuola: eseguiva i compiti, studiava molto e partecipava alla lezione. Uno studente modello. Sì certo, ma anche simpatico.

Un bel giorno primaverile Filippo non riusciva a concentrarsi perché aveva un forte dolore alla testa. Lo disse al padre, aggiungendo: ”Non ti preoccupare, passerà”. Il padre però non era molto convinto e disse: “Se non passa proviamo la febbre”. A Filippo non passava e, ogni giorno, si faceva sempre più stanco; aveva un pessimo aspetto e il mal di testa continuava a tormentarlo, sempre più forte, sempre di più.

Un giorno Filippo tornò a casa come sempre: spossato, stanco e con le occhiaie e, mentre mangiava la sua porzione di pasta al sugo, il padre disse, con tono che non ammetteva repliche: “Oggi ti provo la febbre”.
Il termometro, che se ne stava lì nel terzo cassetto dei medicinali, continuava a borbottare:

“Io sotto le ascelle di quel puzzolente non ci vado!”

E l’amuchina ribadiva: “Non rompere! Anche io ho a che fare con mani sudaticce ed umide, ma non mi lamento mica!”. Il cortisone commentava: “Voi due, non mi rompete le scatole, sennò vi butto giù!”.
Le caramelle per la gola stridevano: “Ma che ci devi fare, noi dobbiamo pure convincere i batteri ad andarsene dalla gola! Siamo indebitate fino al collo!”. Il termometro rimbeccava: “Ma se non ce l’hai un collo, cretina!”.

La decisione era stata presa: Filippo doveva provarsi la febbre.
“Ah, guarda! Mi mancava molto sentire la dolce brezzolina delle ascelle di un bambino!” diceva il termometro e mentre lo diceva la sua temperatura arrivava a 42°.
Finito di pranzare il padre provò la febbre Filippo e il termometro fece salire la temperatura a 38° sghignazzando: “Sento odore di vendetta”. L’amuchina gridava: “Ma che stai a fare! Se respiri a pieni polmoni, dovremo operarti di Puzzolentite Acuta!”. Il termometro rispondeva: “Io son genio, io son genio, mai nessun più mi intossicherà trallallero trallallà!”.

Il papà disse: “Corri a letto, devo prepararti il tè caldo” e ripose il termometro nel terzo cassetto del comò ma Filippo piangeva e piangeva: voleva tornare a scuola!
Il padre però non si scompose. Dopo qualche notte insonne, il termometro annunciò: “Basta, basta!”. L’indomani Filippo si provò la febbre, ed il termometro fece scendere la temperatura a 36.4°. Filippo potè così tornare a scuola!

Giorgia