Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Gli antichi violini italiani imitavano la voce umana

Gli antichi violini italiani imitavano la voce umana

Stampa
Gli antichi violini italiani imitavano la voce umana

Una ricerca scientifica condotta dall'università di Taiwan ha messo a confronto violini antichi e cantanti. Il risultato: alcuni strumenti imitano i toni maschili, altri, come gli Stradivari, quelli femminili.

I violini italiani costruiti tra Cinquecento e Settecento sono da sempre considerati i migliori del mondo. Copiati, imitati, studiati... da secoli si cerca il segreto di tanta perfezione.

E oggi una ricerca dell'università di Tapei (Taiwan) guidata da Hwan-Ching Tai, chimico e neuroscienziato appassionato di musica, sembra aver trovato una risposta: i violini antichi imitavano la voce umana.

Il violino, strumento a quattro corde che si suona utilizzando un arco, venne messo a punto a Cremona nella seconda metà del Cinquecento dal liutaio Andrea Amati e successivamente perfezionato da un altro grandissimo maestro liutaio: Stradivari. I violini di quest'ultimo raggiunsero dei livelli così alti che tuttora nessuno è riuscita a superare.

Benché attentamente studiati nella struttura e nei materiali costruttivi, i violini di Amati e di Stradivari erano rimasti un mistero per quanto concerne le loro qualità acustiche.

I ricercatori di Taiwan sono partiti da un vecchio mito risalente al Barocco, secondo cui il tono del violino dovrebbe "rivaleggiare con la voce umana più perfetta". Così hanno messo a confronto le scale musicali di 15 antichi violini suonati da un musicista professionista presso il Museo Chimei di Taiwan con quelle di 16 cantanti, metà uomini e metà  donne, di età compresa tra 16 e 30 anni.

Le analisi hanno rivelato che un violino costruito nel 1570 da Andrea Amati è caratterizzato da frequenze  basse, simili a quelle di un baritono e pertanto imita le voci maschili. Al contrario, Stradivari, nei suoi violini, aveva spinto questi toni più in alto nella scala musicale e il risultato era una 'voce' più simile a quella femminile.

Quindi questa ricerca sembrerebbe proprio indicare che gli antichi maestri progettavano i loro violini con lo scopo preciso di ottenere toni simili a quelli che la voce umana raggiunge nel canto.