Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Tutte le scuole superiori tra cui potete scegliere dopo le medie

Tutte le scuole superiori tra cui potete scegliere dopo le medie

Stampa

Dai licei agli istituti tecnici e professionali. Tante tipologie e diversi indirizzi per prepararsi al mondo del lavoro. Ecco tutte le opzioni tra cui poter scegliere dopo le medie

Al termine della scuola secondaria di primo grado (conosciuta anche come scuola media), arriva il momento di scegliere la scuola superiore. Tre sono i filoni che si possono scegliere: i licei, gli istituti tecnici e gli istituti professionali. Ma vediamoli più nel dettaglio.
 

1. I LICEI

Esistono sei tipi diversi di liceo: tutti durano cinque anni e si dividono in due bienni e un quinto anno. Per terminare il ciclo è previsto un esame di Stato conosciuto come "esame di maturità". Da qualche anno, anche nei licei è previsto un tirocinio di 200 ore a partire dal terzo anno in modo da fare esperienza del mondo lavorativo ancor prima di finire gli studi.

a. Il liceo classico. È tra i più noti, qui vengono insegnate le materie considerate “umanistiche”: dal latino al greco antico, dalla letteratura alla storia, alla filosofia. In molti sostengono che chi faccia il classico possa intraprendere qualunque professione. Se volete diventare un medico, un giornalista, uno scrittore, ma anche un avvocato, è la scuola che fa per voi.

b. Il liceo scientifico. Ideale per chi ama i numeri e l'algebra: accanto alla formazione umanistica unisce anche quella più scientifica, approfondendo materie quali la matematica, la fisica, la chimica e la biologia. È la scuola giusta per chi vuole diventare ingegnere, un architetto o anche un laureato in economia.

 

c. Il liceo linguistico. Se amate le lingue, questa è la scelta migliore che potete fare. Potrete studiarne tre diverse e approfondire la conoscenza del latino antico. Da grandi potrete diventare insegnanti, ma anche lavorare in ambito turistico o in quello della comunicazione e della mediazione culturale.

d. Il liceo artistico. Disegno, arte, storia: sono le materie che studierete e che “proverete” se deciderete di fare questa scuola. Gli sbocchi sono i più diversi: dall'archeologia al disegno industriale, dalla grafica pubblicitaria al lavoro in teatro come scenografi o costumisti.

e. Il liceo musicale e coreutico. Se volete diventare un cantante lirico, un direttore d'orchestra o un abile pianista, ma anche un tecnico del suono, un ballerino o un liutaio, questo è il liceo che fa per voi. In questa scuola è previsto l'insegnamento della musica e della danza. L'iscrizione prevede il superamento di un test d'ingresso per dimostrare le proprie abilità e competenze musicali.

f. Liceo delle scienze umane. È la scelta giusta per chi vuole diventare un docente, ma anche un educatore o uno psicologo. In questa scuola si studiano materie umanistiche che in altri licei non vengono affrontate, come l'antropologia e la sociologia. Esiste anche un indirizzo economico-sociale, in cui si dà spazio a materie come l'economia politica e il diritto.

 

Pixabay

2. GLI ISTITUTI TECNICI SUPERIORI

Hanno una durata di cinque anni e, come i licei, sono suddivisi in due bienni e un ultimo anno, che prevede il superamento dell'esame di Stato. Molto importanti sono il lavoro in laboratorio e gli stage nelle aziende. I due indirizzi di questi istituti sono: economico e tecnologico.

a. Settore economico. Si prevedono due tipologie di istituto: Amministrazione, finanza e marketing e Turismo. Il primo è adatto a chi vuole lavorare in azienda, magari diventare manager, ma anche operare in borsa; il secondo, invece, per lavorare nel settore turistico, uno dei motori economici del nostro Paese.

b. Settore tecnologico. In questo caso, gli indirizzi possibili tra cui scegliere sono ben nove:

 

  • Meccanica, Meccatronica ed Energia. Qui si studiano chimica, fisica, meccanica e automazione, per diventare tecnici esperti e lavorare in impianti industriali, ma anche in laboratori specializzati o in officine.
  • Trasporti e Logistica. Per chi sogna di progettare mezzi di trasporto ma anche di condurli.
  • Elettronica ed Elettrotecnica. In questo istituto si studia informatica e la progettazione di sistemi elettrici ed elettronici. Sono previste molte attività pratiche da svolgere in laboratorio.
  • Informatica e Telecomunicazioni. Se volete diventare programmatori e risolvere ogni problema di computer e dispositivi elettronici, questa è la strada giusta.
  • Grafica e Comunicazione. Per diventare dei grafici o degli art designer che lavorano nel mondo della pubblicità e del marketing.
  • Chimica, Materiali e Biotecnologie. Se fin da quando piccoli volevate fare i ricercatori in laboratorio, avete trovato l'istituto che fa per voi.
  • Moda. È il luogo ideale per chi vuole lavorare nel settore della moda, disegnando e realizzando nuovi modelli per i vestiti di domani.
  • Agraria, Agroalimentare e Agroindustria. Una delle tendenze degli ultimi anni è quella di “tornare alla terra”. Molti giovani, infatti, sono tornati a fare gli agricoltori o a svolgere lavori nel settore agricolo. Per farlo al meglio, scegliete questo istituto.
  • Costruzioni, Ambiente e Territorio. Riqualificare, ma anche progettare da zero un edificio o un'infrastruttura a basso impatto ambientale. È quello che imparerete frequentando questa scuola.
Pixabay

3. ISTITUTI PROFESSIONALI

Come per gli istituti tecnici, anche quelli professionali prevedono molte ore di pratica abbinate a quelle di teoria. Sono previste numerose attività in laboratorio, ma anche tirocini all'interno delle aziende per mettersi già alla prova nel mondo lavorativo.

Come le altre scuole secondarie di secondo grado, dura cinque anni ed si divide in due bienni e un anno finale, che prevede l'esame di Stato per conseguire il diploma. Questi istituti si dividono in due settori: quello dei servizi e quello di industria e artigianato.

a. Settore dei servizi. Si divide in quattro indirizzi:

 

  • Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, in cui si studiano biologia, chimica, agraria e tecniche di allevamento e coltura per poi lavorare nel settore delle produzioni animali e vegetali.
  • Servizi socio-sanitari, che instrada alle professioni mediche come l'infermiere, l'ostetrico o il dottore.
  • Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera. È la scelta giusta per chi vuole lavorare in una struttura ricettiva come un ristorante o un albergo.
  • Servizi commerciali. Per diventare un ottimo commesso o magari dirigere un negozio.

b. Settore Industria e Artigianato. Questo tipo di istituto prevede due indirizzi:

  • Produzioni industriali e artigianali. Ideale per chi vuole diventare un artigiano o lavorare in questo settore.
  • Manutenzione e assistenza tecnica. Per chi vuole imparare a riparare ogni tipo di macchina. Le principali materie che studierete sono: tecnologie elettriche-elettroniche e applicazioni, tecniche e tecnologie di istallazione e manutenzione.