Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Nomi dei mesi: qual è la loro origine?

Nomi dei mesi: qual è la loro origine?

Stampa

Gennaio, febbraio, marzo: perché i mesi si chiamano così? Le origini sono diverse, ma tutte da ricercare nel mondo dell'antichità

Vi siete mai chiesti il motivo per cui i mesi che compongono l'anno abbiano proprio quegli strani nomi con i quali siamo abituati a scandire il tempo che passa? Perché chiamare quel periodo dell'anno vicino a Natale "Dicembre" e non "Natalino"? Come in molti altri casi, per conoscere l'origine dei nomi dei mesi bisogna prendere in mano il libro di Storia...

USANZE ANTICHE

La scansione del tempo in stagioni, mesi, settimane e giorni è una pratica antichissima, che affonda le radici alle origini stesse delle prime civiltà umane.

Il calendario che usiamo tutt'ora venne introdotto nel 1582 da Papa Gregorio XIII (e infatti si chiama calendario gregoriano), ma per molti secoli precedenti si usò la suddivisione temporale stabilita da Giulio Cesare e prima ancora ogni grande popolo aveva provveduto a munirsi di un modo proprio per misurare l'alternanza dei vari periodi dell'anno.

Tuttavia i "nostri" mesi devono tutto all'influenza classica di Roma (e un po' di Grecia). Vediamo dunque l'origine di tutti i nomi dei mesi attuali.

I NOMI DEI MESI

  • Gennaio: il primo mese dell'anni deve il suo nome a Giano, il dio romano dai due volti che veniva considerato il protettore dei ponti e degli inizi. Gennaio infatti è il mese che segna il transito tra la fine dell'anno passato e l'inizio di quello nuovo.
  • Febbraio: viene da un verbo latino, februare, che significa "purificare". I più svegli avranno notato che la radice della parola è la stessa di "febbre", che infatti è la reazione del nostro corpo per combattere il malanno che lo ha colpito. Piccola curiosità: sia gennaio che febbraio sono stati gli ultimi mesi ad essere "inventati", perché per molto tempo i Romani consideravano l'inverno come una stagione senza mesi. Fu Numa Pompilio, uno dei sette re di Roma, a introdurli.
  • Marzo: essendo il mese della rinascita primaverile, marzo venne dedicata al dio Marte, divinità della guerra, ma anche della natura fertile e dei raccolti.
  • Aprile: l'origine di aprile è invece più dibattuta. Alcuni studiosi la fanno risalire ala parola etrusca Apro, che è il nome con il quale veniva chiamata Afrodite, la dea greca della bellezza e dell'amore. Altri, invece, ritengono che il giusto punto di partenza sia il verbo latino aperire ("aprire"): dopotutto è ad aprile che sbocciano (quindi si aprono) i fiori!
  • Maggio: il quinto mese era dedicato a Maia, l'antica dea della fertilità e della Madre Terra che poi, con l'avvento del Cristianesimo, venne soppiantata dalla Vergine Maria, madre di Gesù. Ancora oggi infatti, per i credenti maggio è il mese "mariano".
  • Giugno: giugno è il "mese del Sole", il mese che apre la stagione estiva e che i Romani dedicarono a Giunone, la sposa di Giove e protettrice del matrimonio.
  • Luglio: prima che Giulio Cesare introducesse il "suo calendario", luglio era il quinto mese dell'anno ed era chiamato quintilis. Successivamente però, si decise di sostituire il nome con quello dello stesso condottiero - Iulius, "Giulio", appunto - che tano contribuì alla grandezza di Roma.
  • Agosto: anche agosto aveva un altro nome (sextilis), ma per motivi celebrativi venne dedicato ad Ottaviano Augusto, primo imperatore di Roma.
  • Settembre; Ottobre; Novembre: Dicembre: settembre invece si chiama così proprio perché era il settimo mese del vecchio calendario romano, così come ottobre (era l'ottavo), novembre (il nono) e dicembre.