Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Qual è stata la prima città del mondo?

Qual è stata la prima città del mondo?

Stampa
Qual è stata la prima città del mondo?
Shutterstock

Ancora non è molto chiaro ed è un dilemma su cui molti archeologi ancora oggi discutono. Infatti non è facile stabilire quale sia stata la prima città e soprattutto definirla tale, perché sono molti gli insediamenti che possono essere definiti primi abbozzi di città.

Parlare di prima città è un po' azzardato, ma possiamo dire con certezza che i primi resti di importanti insediamenti urbani risalgono a circa 6.000 anni fa. A un certo punto, in alcuni luoghi del pianeta, migliaia di persone si sono riunite per formare i primi insediamenti urbani: le prime città della Terra, mentre altre hanno continuato a vivere come nomadi in villaggi sparsi, fattorie o campi.

Al giorno d'oggi, circa 4 miliardi di persone – più della metà della popolazione mondiale – risiede in contesti urbani. Pensate che in soli sei millenni, la vita in città ha conquistato il mondo.

QUALE CITTÀ È SORTA PRIMA?

Questa è una domanda che potrebbe non avere mai una risposta perché trova in disaccordo molti archeologi che contestano proprio la definizione di città. Alcuni ricercatori basano la distinzione sulla dimensione e la densità della popolazione. Altri fanno riferimento ai servizi urbani come gli edifici pubblici, i templi, le mura di fortificazione, i quartieri e le infrastrutture. In ogni caso, non è ancora chiaro quale sia il parametro su cui si basa la valutazione. Per esempio, potrebbe essere per il numero di abitanti, per le dimensioni delle mura, per la complessità degli acquedotti o altre di altre strutture necessarie che definiscono lo status di città. Comunque, la maggior parte degli studiosi utilizza una scala di valutazione che varia in base alla regione e al periodo storico.

Ad esempio, gli archeologi che lavorano in Messico potrebbero classificare la capitale zapoteca del Monte Albán come una città, nel momento in cui ha superato i 5.000 residenti nel 300 aC. Altri, invece potrebbero classificare come la più antica, la città santa di Teotihuacan (“il luogo in cui furono creati gli dei”), risalente al 200 d.C., probabilmente abitata da 100.000 persone.

Oggi le teorie più accreditate sono quelle che indicano che più importante della città in sé, è il rapporto che ha con le terre circostanti, perché come affermano numerosi archeologi, le città fanno affidamento sui territori circostanti per l'approvvigionamento di cibo, acqua e materie prime. In pratica, la maggior parte degli archeologi classifica un sito come città solo se funziona come centro di raccolta di vari servizi per i cittadini per esempio deve avere anfiteatri, monumenti, mercati e ospitare una parte sostanziale della popolazione di quella regione - di solito si parla di 5.000 residenti o poco più prima del 1 d.C.

UN NODO DA SCIOGLIERE

Anche quando gli studiosi concordano sui criteri per la definizione di città, sorgono complicazioni quando si cerca di datare la sua nascita sulla base delle rovine archeologiche. Infatti, ciò non è del tutto corretto perché la maggior parte delle antiche città è cresciuta gradualmente da insediamenti più piccoli fondati secoli prima. E il lungo periodo di urbanizzazione rende difficile stabilire quale città meriti il titolo di prima città al mondo.

Quindi, piuttosto che discutere su quale sia stata la prima città, è più interessante e produttivo, per i ricercatori, porsi domande come “perché i popoli antichi abbandonarono la loro vita rurale o nomade per fondare quegli insediamenti nuovi e densamente affollati?

IL PROCESSO SI È SVOLTO IN DIVERSE REGIONI E TEMPI DIFFERENTI

Le città iniziarono a spuntare nella valle dell'Indo dell'attuale Pakistan e India circa 4.000 anni fa; in Cina circa 3.000 anni fa e in America centrale a partire dal 1 aC e dal 1 dC. Ma la prima regione che ha visto la nascita della città fu il Medio Oriente, con l'antica Mesopotamia.

Circa 10.000 anni fa, subito dopo l'inizio dell'agricoltura, il sito di Gerico nell'attuale Cisgiordania presentava enormi muri di pietra, che racchiudevano un insediamento di circa 2.000 o 3.000 residenti. Circa 9.000 anni fa, Çatalhöyük , situata nell'attuale Turchia, ospitava probabilmente diverse migliaia di persone in case fatte di mattoni di fango e intonaco. Senza strade alla base delle case, le persone si muovevano sui tetti ed entravano nelle case tramite scale attraverso i fori nei soffitti. Sebbene questi insediamenti fossero eccezionalmente grandi per il loro tempo, apparentemente mancavano di alcune caratteristiche proprie della città.

In Mesopotamia, le prime vere città sembrano essere apparse un paio di millenni dopo, tra il 5.500 e il 3.800 a.C., durante l'età del bronzo. Tra i fiumi Tigri ed Eufrate nell'attuale Iraq, il sito di Uruk è emerso come centro politico, culturale e religioso per i suoi 40.000 residenti e per le persone nelle terre circostanti. Tell Brak a nord in Siria probabilmente raggiunse la stessa importanza nello stesso periodo. Presentava monumenti laici e religiosi, botteghe industriali e beni di prestigio, importati dalla tutta la regione. Oggi, Uruk e Tell Brak che ai tempi furono all'avanguardia sono in rovina: enormi cumuli polverosi, che gli archeologi continuano a scavare e indagare. E durante l'età del bronzo, altre città mesopotamiche sorsero subito dopo Uruk e Tell Brak, comprese Damasco e Gerusalemme.

Il che solleva un'altra domanda: il titolo di "città più antica" dovrebbe andare ai primi luoghi urbani in assoluto o a quelli che sono durati più a lungo?

Fonte: Discover