Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Personaggi storici > Miti greci: Ercole, Centauro, Europa e gli altri

Miti greci: Ercole, Centauro, Europa e gli altri

Stampa

Molti modi di dire usati spesso nella nostra lingua derivano dai miti greci: sono nomi usati per antonomasia. Eccone alcuni tra i più noti e usati.

L'antonomasia è una figura retorica con cui si indica, con il nome di un personaggio famoso, chi dimostra di avere le stesse qualità del personaggio. Oppure si indica, con il nome di una cosa particolare, un'altra cosa che possiede caratteristiche simili.

Vediamo alcuni esempi.

LA SFINGE

«Sei una sfinge!» si dice a chi non fa capire cosa pensa. La Sfinge, infatti, era l'orrendo mostro che divorava coloro che non erano stati in grado di risolvere i suoi enigmi.

Una donna non bella e non particolarmente simpatica è un'arpia come le terribili creature metà donna e metà uccelli dagli impressionanti artigli.

Gli appassionati motociclisti sono chiamati anche centauri, come gli esseri mitologici metà uomini e metà equini capaci di correre veloci.

EUROPA

La principessa Europa, figlia del re dei Fenici, incontrò sulla spiaggia un meraviglioso toro bianco che le si prostrò innanzi. Le sembrava così mansueto che decise di cavalcarlo. Ma, non appena salì, il toro si gettò in mare e portò con sé Europa sull'isola di Creta. Lì, il toro diventò di nuovo ciò che era veramente: Zeus, dio dell'Olimpo, che l'aveva rapita perché si era innamorato di lei. Con Europa Zeus generò tre figli: Minosse (re di Creta), Radamanto (giudice degli inferi) e Sarpedonte.

Dai anche un'occhiata alle monete da 2 euro coniate in Grecia dal 2002: non così tanto tempo fa! Su quelle monete da 2 euro, che usi anche tu per comprarti un gelato o una bibita c'è l'immagine del rapimento della bellissima Europa da parte di Zeus trasformatosi in toro.

E allora fruga nelle tasche! Chiedi a mamma e papà di guardare nel loro portafoglio! Magari ne trovi una! Magari, inconsapevolmente, hai portato in tasca anche tu un piccolo frammento di...mito!

CENTAURO

Nella nostra lingua i "centauri" sono i patiti delle moto. Perché?

Nella mitologia greca i centauri erano creature antiche metà uomo e metà cavallo. I più celebri furono Chirone, il centauro che fu maestro di Achille, e Nesso, il guardiano del fiume che venne ucciso da Ercole.

Dunque i motociclisti vengono chiamati "centauri" perché così come quegli esseri mitologici, sono fusi con il loro mezzo: quindi metà uomini e metà moto!

ERCOLE

"L'ercole" è un uomo forzuto e robusto. Questo perché l'Ercole mitologico era l'uomo più forte della Terra. Ma c'era il "trucco": Ercole infatti era un semi-dio, visto che il Padre era Zeus.

Nonostante le incredibili doti, la vita di Ercole però non fu facile perché Era, moglie di Zeus, era gelosa del fatto che il marito le fosse stato infedele e avesse messo al mondo un figlio con una mortale, dunque la regina degli Dei cercò sempre di osteggiare ogni impresa dell'eroe.

A ciò si aggiunsero le 12 fatiche...

LEGGIA ANCHE: Miti greci: Adone, Cassandra, la Chimera e gli altri!