Categories: Storia

Perché ci sono delle teste sull’Isola Pasqua?

La domanda che a tutti voi sorgerà spontanea è la seguente: com’è possibile che esistano statue gigantesche su un’isola completamente sperduta nell’Oceano, a quasi 4.000 chilometri dal primo lembo di terra abitata?

Vi sembrerà incredibile, ragazzi, ma queste statue esistono davvero e su un’isola sperduta: l’Isola di Pasqua, o Rapa Nui nella lingua del luogo.

I MOAI

Le statue si chiamano moai, e sono fatte di tufo. Le più basse sono alte due metri e mezzo, ma ce ne sono anche di 10 metri. Ce n’è poi una, mai completata, che è alta addirittura 21 metri. Le più grosse pesano fino a 85 tonnellate! E nell’Isola di Pasqua, di moai, ce ne sono mille!

Ma chi e come riusciva a trasportare dei colossi simili? Quanto tempo ci metteva? E soprattutto, qual è il significato di queste statue? Chi le ha scolpite e come venivano trasportate?

A scolpire queste gigantesche statue furono gli abitanti stessi dell’isola. Dove? All’interno delle cave. Le scolpivano a faccia in su, poi le staccavano e le trasportavano fino alla costa, dove ad aspettarli c’erano molti uomini pronti a rifinirle. Il viaggio era una vera e propria odissea: ci mettevano perfino un anno!

MA COME LE TRASPORTAVANO?

C’erano decine di uomini che utilizzavano corde e pali, slitte e rulli di legno per farle scivolare, rigorosamente in piedi e non sdraiate (altrimenti, poi, chi le ritirava su?). Così tanto legno, ricavato dalle molte antiche palme del luogo, che per trasportarli l’isola ha subìto, con la complicità dei topi e delle malattie portate dagli europei, una vera e propria deforestazione.

Le orbite degli occhi dei moai oggi sono vuote, ma tanto tempo fa le loro pupille erano di ossidiana e di corallo bianco.

Di moai così ce n’è rimasto soltanto uno sull’isola

Quasi tutti i circa mille moai dell’Isola di Pasqua sono stati ricavati da un tufo basaltico del cratere del vulcano Rano Raraku, nel quale sono state scoperte circa 400 statue incomplete. I corpi dei moai sono sepolti sotto terra. I copricapo delle statue, che sembrano delle specie di cilindri, sono invece stati ricavati da un tufo proveniente dal piccolo cratere di Puna Pau, distante circa 10 chilometri da Rano Raraku.

È proprio nel cratere di Rano Raraku che è stata scoperta la statua incompleta alta 21 metri. Tanti moai si trovano ribaltati, ed è possibile che ciò si debba in parte all’opera dei molti terremoti avvenuti sull’isola e in parte alla guerra intestina tra le tribù dell’isola, i “Lunghi orecchi” e i “Corti orecchi”.

I primi ordinarono ai secondi – ciò sta a metà tra leggenda e storia vera – di gettare i moai in mare, ma questi ultimi si opposero perché per loro i moai portavano fortuna. A quanto si narra, i Lunghi orecchi uccisero e mangiarono i Corti orecchi, diventando padroni dell’isola e ribaltando i moai.

CHE COSA SIGNIFICANO I MOAI?

I moai sono stati scolpiti probabilmente a partire dall’anno 1000 e fino al 1500 circa. La scultura di ogni statua ha richiesto anni di lavoro e la sua lavorazione è stata certamente costosa, soprattutto per il difficilissimo trasporto. Il loro significato è di augurio: porterebbero benessere e prosperità a coloro che guardano.

Nell’isola sono infatti tutti rivolti verso l’interno in modo da proteggere la terra e i suoi abitanti. Inoltre, i moai rappresenterebbero defunti antenati, importanti personaggi della comunità e dèi. Ai piedi dei moai sono state trovate delle tavolette di legno scritte in rongorongo, lingua che nessuno è ancora riuscito a decifrare.

UN’ISOLA TUTTA “NUOVA”

L’Isola di Pasqua è stata scoperta dagli europei solamente nel 1722, nel giorno di Pasqua: da ciò ha preso tale nome. Molti i misteri di quest’isola. Alcuni li abbiamo descritti. Ma ce n’è un altro davvero incredibile e unico al mondo: l’isola fu popolata nell’anno 400 circa, probabilmente dai polinesiani (alcuni parlano di sudamericani: le isole polinesiane distano circa 2.000 km da Rapa Nui, mentre la terra più vicina è il Cile a circa 3.700 km, nazione alla quale l’isola appartiene da circa 150 anni).

Fino alla scoperta del 1722, ossia per oltre 1300 anni, gli abitanti dell’isola sono stati i più isolati al mondo. Come hanno fatto a sopravvivere per così tante generazioni in una simile condizione?

Che ne dite, sarà forse merito dei magici moai?

FONTI: Focus, Centromedioitaliano.itLa Stampa, Appuntidiviaggi (tesina molto interessante sull’Isola di Pasqua), Storiologia,

www.lugipiacenza.it

This post was last modified on 25 luglio 2022 17:23

Share
Published by
Niccolò De Rosa

Recent Posts

Tanti libri MERAVIGLIOSI da leggere per Natale

Un'insegnante scrittrice ha selezionato per noi libri e albi illustrati a tema natalizio: troverete classici…

1 dicembre 2022

Lavoretto – Facciamo le renne di Babbo Natale

Passo passo ecco un facile fai-da-te per creare, con materiali di uso comune, delle simpatiche…

30 novembre 2022

Proteste in Cina: perché i manifestanti scendono in strada con un foglio A4?

In Cina i manifestanti scendono in strada con un foglio A4 bianco: ma qual è…

30 novembre 2022

Sintesi per tutti: un documento divulgativo per spiegare il cambiamento climatico

È a cura dell'IPCC e si chiama Sintesi per tutti, Summary for all, il documento…

30 novembre 2022

Che cos’è la febbre?

Che cos'é la febbre e perché viene proprio a noi? Se sono caldo dopo aver…

28 novembre 2022

Viaggio nel corpo umano: le lacrime

In questo articolo faremo un viaggio nel corpo umano con la lente di ingrandimento, scoprendo…

27 novembre 2022
Loading