Nostro Figlio
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Mitologia greca: l’origine e l’ascesa di Zeus

Mitologia greca: l’origine e l’ascesa di Zeus

Stampa
Mitologia greca: l’origine e l’ascesa di Zeus
Shutterstock

Come mai Zeus è la divinità greca più importante? Come si è guadagnato questo ruolo? Scopriamo facendo un viaggio alle origini della mitologia greca

Zeus è conosciuto da tutti per essere il signore del fulmine, il sovrano dell'Olimpo che governava su tutti gli Dei dell'Antica Grecia.

Ma come ha fatto Zeus a guadagnare questo ruolo? Esisteva qualcuno prima di lui? Per scoprirlo dobbiamo studiare la teogonia greca, ossia l'insieme dei miti che descrivono l'origine delle divinità venerate da una certa cultura (dal greco theós "dio" e gignomai, "nascere").

I PRIMORDI E I TITANI

Ben prima della nascita di Zeus, c'erano delle entità primordiali che, a differenza delle divinità greche antropomorfe (ossia che hanno forma umana) cui siamo abituati, non hanno un aspetto ben definito, pur essendo dotati di corporeità.

Il più antico di tutti era Caos, una specie di vuoto primordiale che inghiottiva tutto l'Universo. Ad un certo punto però, da quella voragine sorse Gea (o Gaia, in latino), la dea primordiale della Terra, cui seguirono Tartaro, le Tenebre sotterranee, Eros, l'Amore (inteso come forza d'attrazione), Erebo, l'Oscurità, e Nox, la notte. La stessa Gea poi generò Urano, il Cielo, che subito si "sdraiò" su Gea, ricoprendola in ogni sua parte.

Dall'unione di Geo e Urano nacquero i Titani e le Titanidi (di genere femminile), i tre Ciclopi, i giganti con un occhio solo e i tre Centimani (o Ecatonchiri), mostri dotati di cento braccia e cinquanta testa che sputavano fuoco. La forza di Ciclopi e Centimani però spaventava Urano, che si sentiva minacciato, e quindi vennero imprigionati nel Tartaro, che può essere considerato una sorta di abisso infernale.

Urano infatti era un'entità assolutamente dispotica e opprimente, tanto che Gea chiese ai sui figli i Titani appunto, di aiutarla. Di questi, solo il più piccolo, Crono, prese il coraggio di ribellarsi al padre e con un falcetto mutilò Urano mentre quest'ultimo cercava nuovamente di unirsi a Gea. Fu così che secondo i Greci il cielo si staccò definitivamente dalla terra!

LA NASCITA DI ZEUS

Dopo la sua impresa, Crono divenne la principale divinità della Terra, ma non purtroppo non si rivelò molto meglio del padre. Dopo aver appreso da un oracolo che un figlio avrebbe potuto spodestarlo, Crono infatti cominciò a divorare i figli che ogni volta generava insieme a Rea, la sua sposa.

Così, tutti gli Dei che nascevano (Era, Demetra, Ade, Istie, Ennosigeo e Poseidone) finivano direttamente nella pancia di Crono.

Quando però Rea rimase incinta di Zeus - ecco il nostro protagonista! - decise di salvare almeno l'ultimo dei suoi pargoli. Con l'aiuto di Gea quindi partorì di nascosto il piccolo sull'isola di Creta e al posto di Zeus consegnò a Crono una grossa pietra avvolta in fasce che il Titano divorò in un boccone. Così il futuro "padre degli Dei" poté crescere in segreto, allevato in una grotta da una capra chiamata Amaltea e protetto dai pastori dell'isola.

LA TITANOMACHIA E L'ASCESA DI ZEUS

Diventato adulto, Zeus tornò per salvare i suoi fratelli e sorelle: con uno stratagemma fece bere a Crono un veleno che lo costrinse a vomitare tutti i figli inghiottiti, dopo aver liberato dal Tartaro i mostri Ciclopi (che gli regalarono i fulmini da scagliare contro i nemici), scatenò una guerra contro il padre e gli altri Titani.

Questa guerra, chiamata Titanomachia (dal greco titanós, "titano" e machè, " battaglia"), durò circa dieci anni e si concluse quando Zeus riuscì a liberare anche i Centimani, la cui forza si rivelò decisiva per sopraffare i Titani, che abitavano sul monte Othrys (mentre appunto Zeus e i suoi risiedevano sul monte Olimpo).

Vittorioso, Zeus imprigionò i Titani nel Tartaro, la cui sicurezza venne rafforzata da mura e porte di bronzo costruite da Posidone e in cui gli stessi tre Centimani erano le "guardie carcerarie".

Così, senza più nemici, Zeus divenne il signore degli Dei.