Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Mitologia greca: chi erano le Muse?

Mitologia greca: chi erano le Muse?

Stampa
Mitologia greca: chi erano le Muse?
Ipa-agency

Evocate da poeti e scrittori di ogni epoca, queste divinità venivano venerate nell'Antica Grecia come protettrici della cultura e ispiratrici delle arti. Ecco chi (e quante) erano le Muse!

Le Muse sono divinità "minori" appartenenti al complesso pantheon della mitologia greca.

Per gli Antichi Greci queste nove sorelle erano le custodi della cultura e delle arti e permettevano ai grandi avvenimenti di non venir dimenticati nel corso del tempo grazie al loro canto.

Chi erano le Muse?

Secondo la tradizione mitologica, le Muse sono figlie di Zeus e Mnemosine, la dea della memoria che le partorì dopo la vittoria di Zeus sui Titani. Proprio la nascita delle Muse provvide a rendere indimenticabile quella vittoria, poiché le dee ne eternarono gli avvenimenti con il loro canto.

Clio, la musa della Storia
Credits: Ipa-agency

Il loro nome però è spesso associato a quello di Apollo, che infatti ne era il protettore e godeva della loro voce e delle loro danze durante le feste e i magnifici banchetti degli dei.

Le Muse (o Eliconie, dal nome del monte Elicona dove vivevano, o Pieridi, perché nate appunte in Pieria, ai piedi del monte Olimpo) erano nove ed ognuna era associata ad un particolare aspetto dell'arte e del sapere.

  • Calliope, la musa dalla bella voce che con il suo stilo e la tavoletta di cera rende eterna la poesia epica.
  • Clio, la musa della Storia che siede con una pergamena in mano.
  • Euterpe, la musa che suona il flauto e rallegra con la poesia lirica.
  • Erato, la musa della poesia corale e amorosa.
  • Melponene, la musa della Tragedia, ritratta con maschera, spada e il bastone di Eracle (o Ercole).
  • Polimnia, "colei che ha molti inni", la musa degli inni religiosi e dell'oratoria.
  • Talia (o Thalia), la musa della Commedia che indossa la maschera comica e una ghirlanda d'edera.
  • Tersicore, la musa della danza.
  • Urania, la musa dell'astronomia con il globo in mano.

Apollo danza con le Muse in un dipinto di Baldassarre Peruzzi (1481-1536)
Credits: Ipa-agency

Queste divinità, oltre a dilettare gli dei con il loro canto, infondevano nell'animo sensibile di poeti, artisti e scrittori l'ispirazione necessaria per comporre grandi poemi o realizzare mirabili lavori artistici.

Ancora oggi nel linguaggio comune si usa definire "musa" una figura capace di ispirare una grande opera.