Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Scopri il Codice di Hammurabi, le antiche leggi del re

Scopri il Codice di Hammurabi, le antiche leggi del re

Stampa
Scopri il Codice di Hammurabi, le antiche leggi del re
Ipa-agency

La prima raccolta di leggi della civiltà Babilonese risale a più di tremila anni fa e regolava la vita della società, sulla base della "Legge del Taglione".

Quando venne scoperto nel 1902 dall'archeologo francese Jacques de Morgan, il codice di leggi stilate sotto il Re babilonese Hammurabi  intorno al 1750 a.C stupì gli studiosi per la completezza e l'organicità dell'opera.

Inciso in caratteri cuneiformi lungo una stele alta più di due metri, il Codice di Hammurabi è infatti il primo corpus (ovvero una collezione ordinata di testi)  legale  del mondo antico, in cui venivano elencate con metodo e chiarezza tutte le norme per vivere nella società, le leggi da applicare, e le punizioni da somministrare in caso di trasgressione.

Il codice di Hammurabi è il primo e più chiaro esempio di leggi scritte!

Perché è così importante?

L'importanza straordinaria del reperto risiede in due fattori principali:
Grazie alle spiegazioni dettagliate di leggi e norme, ci ha permesso di meglio comprendere  usi e costumi dell'epoca. Per la prima volta era apparso nella storia un  modo di fare legislatura pubblico e facilmente consultabile  da chiunque, dando importanza al principio, fino ad allora sconosciuto, di  "conoscibilità della legge".

Dettaglio del testo inciso sulla stele contente il Codice di Hammurabi.
Credits: Ipa-agency

I sudditi di Hammurabi erano dunque perfettamente a conoscenza di cosa si poteva e cosa non si poteva fare, così da potersi regolare nel proprio comportamento quotidiano.

La Legge del Taglione

Il corposo insieme di leggi e punizioni emanato dal Re Hammurabi si basava sul principio legislativo del  "taglione" , dove allo scopo di  evitare vendette private , anch'esse fuori legge, la pena  era proporzionata al danno arrecato  e puniva il trasgressore con un danno simile.

La legge non è uguale per tutti!
Le punizioni, oltre all'entità dell'offesa, erano diverse a seconda della classe sociale dei contendenti (liberi, semi-liberi e schiavi).

Se, per esempio, un libero cavava un occhio ad un altro libero, al colpevole sarebbe stato cavato un occhio, mentre se un libero avesse accecato uno schiavo, il libero avrebbe pagato al suo padrone una somma di denaro  come risarcimento .

FONTE: " Start. Sussidiario delle discipline ", Gruppo Editoriale Raffaello, Monte San Vito (An), 2013.

 

Scopri tutto quello che devi sapere sull'antica civiltà dei greci!
Scopri tutto quello che devi sapere sull'antica civiltà dei fenici