Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Il Beelzebufo, la rana che ingoiava i dinosauri

Il Beelzebufo, la rana che ingoiava i dinosauri

Stampa

Il beelzebufo, rana gigante, potrebbe aver mangiato i dinosauri scoperti in Madagascar.

Gli scienziati hanno scoperto che una specie preistorica di rana gigante, chiamata Beelzebufo, ora estinta, e vissuta circa 68 milioni di anni fa in Madagascar. avrebbe avuto un morso tanto potente da ferire piccoli dinosauri.

 

Una ricerca messa a punto da un gruppo di scienziati inglesi e americani apparsa sella rivista scientifica Nature Reports, ha analizzato la forza del morso delle piccole rane cornute, conosciute anche con il nome di rane Pac-Man per la forma rotonda e allungata della loro testa. Questo tipo di rane hanno una testa larga solo circa 4,5 cm ma un morso che può arrivare a una forza di 30 newton (N) o circa 3 chilogrammi.

L'esperimento ha poi confrontato la forza di morso con la testa e la dimensione del corpo di rane cornute più grandi che si trovano nelle foreste tropicali e subtropicali dell'America del Sud: hanno una larghezza di testa fino a 10 cm e una forza di morso di quasi 500 N, paragonabile al morso di rettili e mammiferi con una testa di dimensioni simili.

Utilizzando un processo di paragone, gli scienziati sono risaliti alla forza del morso della rana gigante Beelzebufo, simile a quella delle rane cornute viventi e hanno calcolato che avrebbe potuto abbattere la preda con una forza fino a 2.200 N, come quelle dei lupi e delle tigri.

"A questa forza di morso, la rana Beelzebufo sarebbe stata in grado di sottomettere i giovani dinosauri che vivevano nel suo ambiente", afferma Marc Jones, ricercatore presso la Scuola di Scienze Biologiche dell'Università di Adelaide. In ogni caso la scoperta che la rana Beelzebufo, nonostante la forza del suo morso, mangiasse i dinosauri.

Gli scienziati hanno misurato la forza del morso della rana Beelzebufo usando uno strumento su misura chiamato "traduttore di forza".