Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > I “jeans” più antichi del mondo arrivano dalla Cina

I “jeans” più antichi del mondo arrivano dalla Cina

Stampa

In Cina sono stati ritrovati pantaloni vecchi di 3mila anni: sono i più antichi del mondo.

Un team di ricercatori dell’ Istituto Archeologico di Berlino , guidato da Ulrike Beck e Mayke Wagner ha rinvenuto, in una remota località della Cina Occidentale , i pantaloni più antichi di cui si abbia notizia.

Gli esami al carbonio 14, infatti, li datano in un arco di tempo compreso tra il XIII e il X secolo a.C., ossia da circa 3mila e 400 a 3mila anni fa.

 

Alla moda

Come vedete dalla foto si tratta di indumenti studiati in ogni dettaglio , con tanto di fettucce usate a mo' di cintura, spacchi laterali ed eleganti disegni sulle gambe .

Sono parte dell’abbigliamento funebre di due uomini, molto probabilmente pastori nomadi e guerrieri , ritrovati in una sepoltura nel cimitero di Yanghai .

 

Tre pezzi e basta

Fatti  di lana marrone,  hanno ornamenti geometrici all’altezza delle ginocchia e  sono in tre pezzi , due per le gambe e uno per la vita, tessuti a telaio e senza tagli .

 

Gli studiosi tedeschi ritengono che i pantaloni siano stati inventati per proteggere la gambe senza impedire i movimenti ai cavalieri. E che proprio i cavalieri nomadi ne abbiano permesso la diffusione, partendo dalle regioni nord occidentali della Cina (quelle al confine con gli attuali Kazakhistan e Russia) per portarle, mano a mano che si spostavano, verso la zona del bacino del Tarim , l'ampia distesa desertica della Cina in cui sono stati ritrovati questi antichi pantaloni e che confina con gli odierni Kirgizistan e Tajikistan.

 

Dalla tunica ai pantaloni


Prima di quell'epoca
, sia i popoli europei sia quelli asiatici indossavano tuniche, toghe o camici oppure, i più moderni, tre pezzi separati composti da due gambali e un perizoma annodato in vita.

Tutte le informazioni su questa straordinaria scoperta su Focus Storia n. 94, ora in edicola .

 

ULTIME NEWS