Egitto: Amenofi II, il faraone dimenticato al Mudec di Milano!

 Stampa
copertina-mude-egitto-amenofi
Mudec

Dal 13 settembre al 7 gennaio 2018 il Museo delle Culture di Milano ospita la prima mostra dedicata alla straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II, il grande sovrano della XVIII Dinastia che troppo a lungo è stato dimenticato dalla Storia (ma non per colpa sua!). Scopri di più con Focus Junior!

L'Antico Egitto sbarca al Mudec, il Museo delle Culture di Milano che dal 13 settembre fino al prossimo 7 gennaio aprirà le porte al mondo di Amenofi II, un faraone vissuto tremila anni che però, nonostante le grandi gesta compiute in vita, non viene quasi mai ricordato tra i grandi sovrani delle Terre del Nilo.

 

Chi era Amenofi II?

Appartenente alla famosa XVIII Dinastia (è uno degli avi del celebre Tutankhamon), Amenofi II fu uno degli esempi più fulgidi di come dovrebbe essere un buon regnante.

stele-egitto
Amenofi arciere | Università degli Studi di Milano, Biblioteca e Archivi di Egittologia

Salì al trono piuttosto giovane, a 18 anni, dopo un periodo di co-reggenza con il padre, il celebre Tuthmosi III, e subito affidò la cariche più importanti del Regno ad amici fidati con cui era cresciuto nel Kap, una specie di scuola d'élite dove i giovani delle famiglie aristocratiche di lignaggio più alto venivano mandati per ricevere la migliore istruzione possibile.

Sovrano giudizioso, atletico (amava la corsa, l'equitazione ed eccelleva nel tiro con l'arco), oculato amministratore e valoroso condottiero, il faraone Amenofi II resse l'Egitto al culmine del suo splendore e contribuì proseguire la costruzione di un Impero che ancora oggi riverbera le luci della sua grandezza.

Come mai allora è così poco conosciuto?

Il motivo principale è piuttosto banale: Amenofi II ebbe la "sfortuna" di nascere dopo un grande come Tuthmosi III, il quale aveva aveva scolpito il suo nome nella Grande Storia portando il regno egiziano al massimo della sua espansione. Amenofi II dunque, benché con 3 guerre vinte si dimostrò altrettanto valente sul campo da battaglia, finì oscurato dalla presenza ingombrante dell'illustre padre.  

Un altra causa della sua "scarsa fama" è da imputare al fatto che i documenti relativi alla scoperta della sua tomba da parte dell'archeologo Victor Loret (avvenuta nel 1898) erano andati perduti fino ad una quindicina di anni fa.

victor-loret
L'archeologo Victor Loret copia le iscrizioni sulle bende della mummia appena scoperta | Università degli Studi di Milano, Biblioteca e Archivi di Egittologia

 

La mostra

La mostra del Mudec dunque è stata fortemente voluta dall'egittologa Patrizia Piacentini, curatrice dell'evento insieme a Christian Orsenigo, per rispondere ad un duplice scopo: rispolverare la figura di Amenofi II e riscoprire il grande ritrovamento archeologico della sua tomba della Valle dei Re.

sfinge-egitto
Statua di Amenofi in forma di sfinge, Tempio di Karnak | The Egyptian Museum, Cairo

Per farlo il Mudec ha radunato pezzi unici dai musei di tutto il mondo (Museo Egizio del Ciaro, il Rijksmuseum van Oudheden di Leida, il Kunsthistorisches Museum di Vienna ecc...) e da collezioni private per ricreare un percorso in cui assaporare appieno la vita e la cultura dell'Antico Egitto, dalla quotidianità fino al complesso culto dei morti.

Un altro grande aiuto è arrivato dall'Università degli Studi di Milano, la quale ha messo a disposizione dei curatori il preziosissimo archivio dell'archeologo Loret che l'UNIMI aveva acquistato nel 2004.

Divisa in quattro sezioni, la mostra offrirà ai visitatori una strabiliante collezione di statue, steli, oggetti funerari, armi e persino parecchie mummie proveniente direttamente dalla Valle dei Re. Fiore all'occhiello dell'esposizone sarà la ricostruzione in scala 1:1 della sala a pilastri dove Loret scoprì la tomba di Amenofi II (accompagnata da altre salme tra cui, come si è scoperto recentemente, la madre e la nonna di Tutankhamon!)

Vi sembrerà di essere davvero dentro le profondità di una tomba egizia!

 

Oltre ai pezzi esposti, il percorso sarà arricchito da parecchie guide multimediali e installazioni che renderanno ancora più coinvolgente la visita.

Per i bambini, inoltre saranno presenti in ogni sala degli speciali pannelli dove il famoso Geronimo Stilton spiegherà ai piccoli i segreti dell'Antico Egitto e li intratterrà con giochi e indovinelli.

 

Sabato 16 settembre e sabato 28 ottobre alle ore 16.00) inoltre, lo stesso Stilton sarà il protagonista dello spettacolo Viaggio in Egitto che si svolgerà nell'Auditoriom del Museo.

 

PER INFO E PRENOTAZIONI

www.mudec.it

www.ticket24ore.it

 

 

13 Settembre 2017
Non ci sono ancora commenti!
Per poter aggiungere un commento fai login oppure registrati!