Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > L'antico Egitto > Che fine ha fatto il naso della Sfinge?

Che fine ha fatto il naso della Sfinge?

Stampa
Che fine ha fatto il naso della Sfinge?

Siamo abituati ormai a vedere la Sfinge senza naso, quasi fosse una sua caratteristica. Invece in antichità il naso c'era eccome... Scopriamo insieme cosa è successo al naso della Sfinge!

Chi ha rubato il naso della Sfinge? La Sfinge è una gigantesca scultura con corpo di leone e testa umana, che si trova in Egitto, a Giza, e -più esattamente- vicino alle piramidi. Attualmente la possiamo ammirare quasi intatta, ad eccezione appunto del naso la cui assenza non è tuttora giustificata con certezza. 

Secondo la versione più nota sulla sparizione del naso, pare che fu distrutto dai soldati di Napoleone con una cannonata. L’esercito napoleonico però giunse nella piana di Giza nel 1798, mentre il naso risulta già mancante nei disegni eseguiti nel 1735 dall’esploratore danese Frederick Lewis Norden. 

Che cos'è l’enigma della Sfinge? Non è quello delle parole crociate, ma è il primo enigma conosciuto della storia. Una sfinge viva (con corpo di leone, testa umana e in più ali da uccello, insomma una specie di chimera), posta all’ingresso della città di Tebe (non quella egiziana, la città in questione era la Tebe dei greci) chiedeva a chi passava chi fosse colui che era capace di camminare sia con quattro piedi che con due piedi e tre piedi. E divorava chi sbagliava la risposta. Solo dopo molto tempo (e molti uomini divorati) uno riuscì a trovare la risposta. Si chiamava Edipo, e la sfinge, sconfitta, si uccise gettandosi dall’acropoli. 

Tu sapresti rispondere come Edipo (che diventò per questo un re ricco e famoso)? 
Provaci! 

La risposta giusta la trovi cliccando su questo link!