Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Come sono nati i cognomi italiani?

Come sono nati i cognomi italiani?

Stampa
Come sono nati i cognomi italiani?

Qual è l'origine dei nostri cognomi? Hanno qualche significato particolare? E a cosa servono?

I cognomi Sono nati per la necessità di distinguere le persone tra loro e di censire la popolazione. E ovviamente i cognomi italiani non fanno eccezione.

UNA PRATICA ANTICA

Un primo registro di nomi esisteva già in età romana: i cittadini venivano segnati con un praenomen (cioè il nome personale, per esempio Caio), e con l’indicazione della gens (cioè della famiglia di provenienza, "Giulia" per esempio). Quando questi due nomi non furono più sufficienti a distinguere le persone, perché gli omonimi (ossia le persone con lo stesso praenomen e la stessa gens) erano diventati troppi, si aggiunse un cognomen, cioè un soprannome.

Per esempio "Cesare" che significa "colui che ha gli occhi chiari".

COGNOMI MODERNI

Ma perché, allora, i cognomi romani non sono giunti fino a noi? Semplice: perché dopo la caduta dell'impero i registri ufficiali creati dai governi degli imperatori romani andarono distrutti o perduti. E per molti anni, in seguito all'imbarbarimento e al cambiamento della società, non si sentì più il bisogno né di cognomi né, ovviamente, dei registri.

Successivamente, in Europa, precisamente tra il X e l’XI secolo, gli abitanti aumentarono di numero e, per distinguere le persone e  per facilitare e rendere sicuri gli atti pubblici, per esempio le compravendite, diventò sempre più comune l’uso di un cognome.

Tale cognome poteva, ad esempio, derivare da una certa caratteristica fisica o da un soprannome (Rossi per le persone rosse di capelli, per esempio), oppure  dalla zona di provenienza (come Leonardo: dal paese di Vinci, in Toscana), dal lavoro svolto (Tintori, Bovari ...) o dalla patronimia (cioè il nome del padre: per esempio Iohannes filius Arnaldi diventerà Giovanni Arnaldi ).

L'uso del cognome fu reso obbligatorio in Italia nel 1564, quando il Concilio di Trento stabilì che i parroci dovessero tenere un registro con nome e cognome di tutti i bambini battezzati.

COSA SIGNIFICA IL TUO COGNOME?

Tutti i cognomi, quindi, hanno un significato, visto che traggono origine da nomi propri  (la maggior parte al nord) o da soprannomi (soprattutto al sud), o da professioni o luoghi (in assoluto le categorie più diffuse).

Almeno il 75 per cento dei cognomi esistenti sono ancora comprensibili nel loro significato originario. Gli altri hanno probabilmente subito qualche variazione fonetica o grafica che ne ha stravolto il senso, oppure derivano da influenze straniere.

Ma c'è di più: dallo studio linguistico del cognome è possibile capire il luogo d’origine della famiglia che lo porta.

Uno stesso mestiere , per esempio quello di fabbro, ha prodotto cognomi diversi da regione a regione. Così, in Lombardia, Piemonte ed Emilia " fabbro" è diventato Ferrari, Ferrario, Ferreri. Mentre in Toscana e Veneto è diventato Fabbri e Favero e in Campania e Lazio si è trasformato in Forgione.

Vai sul sito cognomix, digita il tuo cognome e scopri la sua diffusione regione per regione con le mappe interattive dei cognomi italiani!

CURIOSITÀ

Molti cognomi vegetali per esempio (Cipolla, Finocchio, Meloni) hanno origine celtica o germanica, perché presso i popoli nordici i riti legati alla natura e alle piante erano numerosi. Quindi sappi che, se ti chiami Zucca o Zucconi, non è perché il tuo trisavolo aveva la testa dura.

Anzi, per i celti la zucca aveva poteri magici!

Infine, un'altra categoria di cognomi molto diffusa deriva dal fatto che in Italia abbondavano gli orfanotrofi: Esposito, Trovato, Innocenti, ad esempio, sono cognomi che venivano dati ai bambini di origine ignota , ossia ai "trovatelli".

Di cognomi strani, poi, noi italiani abbondiamo anche grazie a improbabili accoppiate con nomi propri assurdi o inadatti... ma questa è un'altra storia.

QUAL È IL COGNOME ITALIANO PIÙ DIFFUSO?

Ecco di seguito la classifica dei primi venti.

Non riportiamo le quantità per ogni cognome, dato che le fonti sono numerose e differiscono tra loro per diverse migliaia di unità. Vi basti sapere che il primo classificato vanta oltre 80.000 cognomi e stacca di almeno 25.000 unità il secondo classificato. And the winner is...Rossi!

E gli altri?

Russo
Ferrari
Esposito
Bianchi
Colombo
Romano
Ricci
Gallo
Greco
Conti
Marino De Luca
Bruno Costa
Giordano
Mancini
Rizzo
Lombardi
Barbieri