Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Chi è davvero la Befana?

Chi è davvero la Befana?

Stampa
Chi è davvero la Befana?
pixabay

Molte persone pensano che sia la moglie di Babbo Natale; altre invece sono sicure che sia la sorella. Chi è davvero la Befana?

Lo sanno tutti chi è davvero la Befana: una vecchietta che, volando sopra una scopa, porta calze piene di dolci e regali, durante la notte del 6 dicembre. Si ma... chi è DAVVERO?

Esistono diverse ipotesi riguardo a chi è davvero la Befana fatte da studiosi di storia e culture popolari. Alcuni la identificano come quella vecchietta incontrata dai Re Magi a cui chiesero indicazioni sulla strada da seguire per raggiungere Betlemme, dove si trovata la capanna di Gesù bambino, per portargli in dono oro, incenso e mirra. Lei però non volle aiutarli ma, il giorno dopo, si pentì, e da allora, ogni anno, la notte del 6 gennaio porta lei i regali ai bambini di tutto il mondo, come i Re magi avevano fatto con Gesù.

Per alcuni studiosi infatti il termine Befana deriverebbe dal greco  "Epiphaneia" che significa "manifestazione" e indicava il giorno in cui Gesù Bambino si manifestava ai tre re Magi.

Ma il 6 gennaio sarebbe il giorno in cui San Giovanni Battista battezzò Gesù e anche il giorno del suo primo miracolo, cioè la trasformazione dell'acqua in vino.

La befana vien di notte - Trailer

Secondo altri studiosi invece la Befana deriverebbe da Bastrina, la dea a cui si regalavano le strenne (i doni di fine anno) per favorire la fortuna dell'anno nuovo. Bastrina sarebbe a sua volta l'erede della dea Strenia, celebrata con feste all'inizio dell'anno, quando i romani si scambiavano appunto le strenne di buon auspicio per il nuovo anno (i "nostri" regali di Natale).

Il vero significato del carbone

La storia inoltre racconta che il periodo natalizio, tra dicembre e gennaio, era un periodo difficile per l'agricoltura: l'imperatore Aureliano aveva proclamato il 25 dicembre "festa del sole" e per 12 giorni (cioè fino alla notte del 6 gennaio) un tronco di quercia veniva fatto bruciare di continuo, e dal carbone si sarebbe scaturita tanta fortuna per il nuovo anno. Esatto: proprio il carbone della Befana. Se lo trovate nella calza quindi, rallegratevi: non siete cattivi, anzi, porta fortuna!