Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Carnevale di Ivrea: come è nata la famosa battaglia delle arance?

Carnevale di Ivrea: come è nata la famosa battaglia delle arance?

Stampa
Carnevale di Ivrea: come è nata la famosa battaglia delle arance?

Avete mai sentito parlare della battaglia delle arance a Carnevale? In Italia succede da secoli ad Ivrea, durante il Carnevale più antico del nostro paese. Leggete da dove nasce questa curiosa tradizione e dove finiscono le 600 tonnellate di arance lanciate ogni anno, dai cittadini, gli uni contro gli altri!

Il Carnevale di Ivrea è il più antico d'Italia ed è l'unico che porta avanti alcune tradizioni fin dal  Medioevo . Una delle caratteristiche più affascinanti di questo Carnevale italiano è la famosa  "battaglia delle arance" : per strada, durante la parata, scatta una vera e propria battaglia a suon di arance tra i cittadini! Tutti si sporcano e a volte si prende qualche bella botta, perché le arance sono dure!

 

La polemica, però, c'è da sempre: perché sprecare, ogni anno, ben 600 tonnellate di ottime arance lanciandole e distruggendole a terra? La risposta è semplice: perché non sono arance buone da mangiare.
Gli agrumi lanciati durante i giorni del carnevale di Ivrea, infatti, sono arance "speciali" che arrivano dalla Calabria e che non hanno le caratteristiche adatte al consumo umano. In pratica, non sono buone da mangiare .
Inoltre, alla fine della giornata l'azienda dei servizi ambientali di Ivrea raccoglie le arance da terra e le deposita in vasche speciali dove, in alcune settimane diventeranno compost, ossia un ottimo concime naturale per uso agricolo .
L'articolo continua dopo la fotogallery

 

 

 

La  battaglia delle arance è il  simbolo del Carnevale di Ivrea , che tiene sempre vivo il ricordo delle  lotte che i cittadini hanno portato avanti nei secoli  per non soccombere ai soprusi dei tiranni.
La tradizione di lanciare le arance dai balconi sui carri e viceversa, si dice che sia nata nel Medioevo, quando i feudatari regalavano una volta all'anno una cesta di fagioli al popolo , ma le varie famiglie per disprezzo lanciavano i fagioli fuori dalla finestra. Durante il Carnevale questo gesto di ribellione ha preso vita attraverso diversi oggetti. Prima gli stessi fagioli, poi i coriandoli, i confetti e in tempi recenti le arance, che venivano usate soprattutto dalle ragazze, che dai balconi volevano farsi notare dai ragazzi sui carri. 

 

Un carnevale storico, una tradizione che mischia leggenda e presente

Nel tempo quest'usanza è diventata una vera battaglia che attira tanti curiosi da  tutta Italia per vedere questo scontro all'ultimo spicchio!  
Oggi si rischia di essere presi ad "aranciate"  se si arriva al Carnevale senza il tradizionale copricapo rosso , che deriva da un'altra leggenda molto cara agli abitanti della città piemontese:  la storia della Mugnaia Violetta.
Leggenda che dimostra come  il popolo si sia sempre ribellato alle ingiustizie dei potenti . Violetta, era una  bellissima ragazza figlia di un mugnaio,  che portava un cappello rosso, molto lungo che le cadeva su una spalla.  Promessa in sposa ad un ricco signore , per ribellarsi, una sera invitata a palazzo dal tirano,  Violetta invece di sottomettersi, lo ha fatto ubriacare e lo ha ucciso . Dopo questo gesto di protesta è scesa in piazza e ha sollevato tutto il popolo contro i ricchi del paese.