Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Storia > Gli antichi Romani > Cos’è il Vallo di Adriano?

Cos’è il Vallo di Adriano?

Stampa

Hai mai sentito parlare del Vallo di Adriano? Se la risposta è no è perché non hai ancora studiato la storia di Roma. E allora, portati avanti e stupisci compagni e prof!

Il vallo, presso gli antichi Romani, era una palizzata di legno piantata a terra per rinforzare un'opera di difesa. Per esempio un muro. Il Vallo di Adriano dunque, è una fortificazione romana che si trova nell’attuale Inghilterra settentrionale, luogo che segnava il confine della Britannia, la regione più a nord dell’Impero.

PERCHÉ È COSÍ FAMOSO?

Il Vallo di Adriano fu fatto costruire negli anni tra il 122 e il 125 d.C dall’imperatore Adriano per proteggere i territori dell’Impero dalle incursioni delle tribù dei Pitti provenienti dall’odierna Scozia. Per gli antichi romani -piuttosto presuntuosi - questa opera rappresentava non solo la fine del loro dominio, ma anche della civiltà: per loro al di là del vallo, in quella landa poco ospitale che chiamavano Caledonia, c'erano solo barbari selvaggi e assetati di sangue!

QUANTO ERA LUNGO?

Alto fra i tre e i quattro metri, il Vallo si allunga da costa a costa per quasi 120 km, dal fiordo di Solway, a ovest, fino alla foce del fiume Tyne, a est. Per tutta la lunghezza del muro c’erano forti e fortini presidiati da soldati.Oltre alla fortificazione vera e propria il sistema difensivo prevedeva anche due fossati - uno armato con pali appuntiti conficcati nel terreno e l’altro protetto da alti argini - e una strada per gli spostamenti dei militari.

Il Vallo di Adriano fu oltrepassato dai Pitti tre volte e fu definitivamente abbandonato dai Romani attorno all'anno 400 d.C. Dal 1987 i resti di questa imponente fortificazione sono protetti dall'Unesco.

GUARDA IL NOSTRO VIDEO CON LE 5 COSE CHE NON SAI SULL'ANTICA ROMA