Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Italiano > Grammatica > Scuola primaria: l’accento

Scuola primaria: l’accento

Stampa
Scuola primaria: l’accento
Ipa

In italiano quando parliamo mettiamo l'accento su tutte le parole, ma quando scriviamo va segnato solo in alcuni casi. Vediamo quali.

L'accento è come un mago: basta un tocco della sua bacchetta e la parola cambia di significato.

Es: Marco cascò sotto un pero, però indossava un casco e non si fece male alla testa.

cascò: è un verbo al passato e significa cadere;
casco: è la protezione che si indossa sulla testa;

pero: è un albero
però: è una congiunzione (collega due frasi).

 

Es: Francesca andò al porto e vicino al faro e pescò un pesce.
Giovanni portò un pesco in giardino. Con tutte quelle pesche farò una marmellata.

porto: è il posto delle barche.
portò: dal verbo portare
faro: è la torre che aiuta le barche a entrare in porto.
farò: dal verbo fare.
pescò: dal verbo pescare
pesco: l'albero delle pesche.

 

Nota bene:
-in italiano l'accento si scrive obbligatoriamente solo sulle parole con più di una sillaba quando l'accento cade sull'ultima sillaba (si chiamano parole tronche): andò, caffè, verità, virtù, bontà....

-in alcuni monosillabi: ciò, giù, più, può, già.

-in alcuni monosillabi per distinguerli da altri che si scrivono nello stesso modo:
dà (verbo dare)                                                                  da (preposizione: vengo da Milano)
dì (giorno)                                                                          di (preposizione: il libro di Maria)
è (verbo essere: il cane è stanco)                                      e (congiunzione: Luca e Teo)
là (avverbio: io abito là)                                                     la (articolo: la mamma)
lì  (avverbio)                                                                       li (pronome: i libri li ho presi io)
né (congiunzione: né tu né io)                                           ne (particella pronominale: ne voglio ancora uno)
sé (pronome: pensa solo a sé)                                          se (congiunzione: se piove...)
sì (avverbio di affermazione: ho detto sì!)                          si (pronome riflessivo: si cura da solo)
tè (bevanda)                                                                       te (pronome: te l'avevo detto...)

  • ci sono alcuni monosillabi che non vogliono mai l'accento. Attenzione a non scriverlo:
    qui, qua, fu, fa, sto, su, sa, do, me, mi, no, re, tre.
    Per ricordarsene basta pensare che questi monosillabi non si possono confondere con altre parole e quindi non necessitano l'accento (ed è improbabile che si possano scambiare per le note musicali do e re).
ULTIME NEWS