Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Verso la fine della scuola | Come imparare a memoria in fretta, bene e ricordare a lungo!

Verso la fine della scuola | Come imparare a memoria in fretta, bene e ricordare a lungo!

Stampa

Dovete imparare a memoria dei concetti e proprio non vi entrano in testa? Le tabelline entrano ed escono dalle orecchie? Ecco alcuni buoni metodi per memorizzare le informazioni importanti e fissarle a lungo, in vista delle verifiche per la fine dell'anno scolastico 2016!

Oggi, a  scuola , non si usa più tanto. Ma,  fino a qualche anno fa, era normale imparare a memoria  le poesie . Era una  noia pazzesca , ma in verità anche  una pratica piuttosto utile . E una conoscenza che, spesso, resta per tutta la vita e, da adulti, si apprezza tantissimo.

 

Che dice la pioggerellina di marzo...

Prima di tutto perché  si imparavano delle belle poesie  che si ricordano per sempre (tanto più che la poesia si  apprezza maggiormente da grandi! ). E poi perché è un  utile esercizio per la memoria , una facoltà molto  importante del nostro  cervello  che serve per sviluppare intelligenza, conoscenza e  per tenere vivaci e in allenamento i nostri neuroni .
In ogni caso, anche se non si fanno più imparare a memoria le poesie,  sono mille e una le cose che, studiando, si devono conservare nella memoria : date di storia, nomi di geografia, la coniugazione dei verbi delle lingue straniere, le regole di  matematica ... e chi più ne ha più ne metta!  Come fare, allora, per tenere in testa queste cose?   Ecco qualche buon metodo !

 

Scrivere

Un metodo utile è  trascrivere molte volte le cose che si devono imparare . Immaginiamo che dobbiate memorizzare i verbi di  inglese  che al passato sono irregolari (es. go, went, gone).  Prendete un po' di fogli riciclati  (così non sprecate la carta) e cominciate a  scrivere i tempi verbali , a mano, uno dopo l'altro. Quando avete finito di scriverli  ricominciate da capo . Fatelo di seguito più volte ( come minimo tre ) e vedrete che, poco alla volta,  vi rimarranno impressi senza apparente fatica .

 

Ripetere ad alta voce

Un altro metodo per memorizzare bene è  ripetere ad alta voce . Leggete i primi tre verbi:  per esempio go, went, gone , ripetendoli poi ad alta voce senza guardare il foglio. Poi leggetene altri tre (ad es. take, took, taken) dopodiché  ripetete, senza guardare il foglio , tutti e sei i verbi.  Aumentate sempre di più il numero dei verbi da ripetere  ad alta voce a memoria e vedrete che, piano piano, li imparerete tutti. Il metodo è migliore se ripeterete  con i vostri genitori o con un compagno , in modo che controllino che stiate ripetendoli giusti!

 

Il metodo dell'associazione di idee

Per aiutare a immagazzinare nella memoria le informazioni può essere d'aiuto  associare alle parole delle idee . Per esempio: il verbo GO, cosa vi fa venire in mente? Visto che significa andare posso usarlo anche per dire VAI! oppure  perché suona come GOL . WENT, invece, richiama il vento ma suona anche come l'esclamazione UÈ!; GONE, infine,  è proprio come gonne ma senza una N ! Insomma, cercare di dare un'idea alle parole da memorizzare aiuta a imprimerle meglio nella memoria: quando dovrete ricordavi  qual è il participio passato di to go , per esempio, potrete ripescare dalla mente GOL, VENTO, GONNE! Dopo un po',  il ricordo sarà automatico  e vi accorgerete di saltare questo passaggio.

 

Cantare

Un altro  metodo divertente per memorizzare le cose  è cantare! Prendete la lista da imparare, o la regola di matematica che dovete memorizzare e associategli una melodia, inventata da voi o di una canzone che vi piace.  E CANTATE il testo  da memorizzare. Avere  un ritmo con cui scandire le parole  da ricordare aiuta molto, e poi fa ridere da morire: mettetevi davanti a uno specchio,  impugnate la penna come un microfono  e GO! Il divertimento (e lo studio) sono assicurati!

 

E voi, cari focusini, che metodi usate per imparare a memoria le cose?
ULTIME NEWS
Natale: 10 libri indimenticabili
Condividi
Come si fa a diventare agente segreto
Condividi
Chi sono le spie nella realtà
Condividi