Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Matematica > Gli strumenti della geometria: Carta, matita e righello

Gli strumenti della geometria: Carta, matita e righello

Stampa
Gli strumenti della geometria: Carta, matita e righello
Ipa-agency

Quali sono i "ferri del mestiere" in geometria? Ecco che cosa serve per affrontare le sfide di una delle scienze matematiche più affascinanti

Per molti la geometria è il cuore della matematica, la sua parte più importante, quella in cui si fanno i ragionamenti più affascinanti.

Uno dei vantaggi della geometria è che ha bisogno di pochissimi ferri del mestiere: un foglio bianco, una matita e un righello.

Una volta che te li sei procurati ecco che puoi imparare a disegnare e misurare, le due azioni geometriche più importanti.

POCHI MA BUONI!

Nel disegno geometrico è meglio usare i fogli bianchi rispetto a quelli a righe o a quadretti. Il foglio bianco lascia più libertà e non dà punti di riferimento che poi in molti casi ci mettono nei pasticci.

Di matita ne basta una sola, ci sarà tempo più avanti per introdurre matite di altri colori. Riuscire a disegnare (bene!) con la matita è una gran cosa per la geometria e per molte altre parti della matematica.

Poi serve il righello. Per squadre e compassi non facciamoci fretta, verrà anche il loro momento, ma per iniziare vale lo stesso discorso che per le matite: meglio pochi strumenti ma usati meglio.

Qualcuno non è grande fan della gomma. Talvolta infatti si preferisce che i disegni vengano rifatti, piuttosto che vedere cancellature. E poi è sempre bene ricordarci degli errori che abbiamo fatto, per non rifarli troppo spesso!

D'altronde è sempre più veloce cancellare che ricominciare, quindi la  scelta della gomma è  - diciamo così - facoltativa.

Vietati invece i bianchetti e altre diavolerie tecnologiche.

E soprattutto è vietato stracciare i disegni brutti!

Per cominciare, con carta matita e righello si può dedicare un po’ di tempo a tracciare figure elementari: cominciamo dai segmenti e alleniamoci fino a che non sono belli dritti, del giusto spessore e che “puntano” nella direzione indicata che vogliamo. Poi passiamo ai triangoli, ai quadrati, ai rettangoli... e impariamo a disegnarli in tutti i punti del foglio e in ogni posizione, non per forza con i lati dritti e paralleli a quelli del foglio.