Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Matematica > Curiosità matematiche: i segreti del numero 100!

Curiosità matematiche: i segreti del numero 100!

Stampa

Lo sapete che il numero 100 è la somma di... E che il motore di ricerca Google deve il suo nome a... Scopri i segreti di questo numero!

Lo sapete che il numero 100 è la somma dei primi 10 numeri primi dispari? Che il motore di ricerca Google deve il suo nome al googol: un numero intero esprimibile con 1 seguito da 100 zeri, pari cioè a 10 elevato alla centesima o a  10.000 decaexilioni? E che il nome è stato scelto da un bambino di 9 anni? Scopri con noi le curiosità matematiche legate al numero 100 !

Abbiamo scoperto perché il numero 100 è un numero considerato magico.

Ma quali sono le magie matematiche, le curiosità matematiche legate a questo numero?

Scopriamole insieme!

I fattori primi di 100 sono: 2 x 2 x 5 x 5.

La somma dei primi 10 numeri primi dispari è 100! 1 + 3 + 5 + 7 + 9 + 11 + 13 + 15 + 17 + 19 = 100.

100 è un numero quadrato perfetto : 10x10.

È un numero composto, coi seguenti divisori : 1, 2, 4, 5, 10, 20, 25, 50, 100.

La somma di quattro coppie di numeri primi: 47+53, 17+83, 3+97, 41+59.

È il prodotto del quadrato di 2 e 5 ovvero: 4 x 25 = 100.

La somma dell'ottavo numero primo (19) e di nove al quadrato (81) = 19 + 81 = 100.

La somma di 6 e 8 al quadrato : 36 + 64 = 100

Nella numerazione romana, era rappresentato con C, da centum che significava appunto "cento".

È il numero base per le percentuali : si indica con 100% l'unità, il totale. 

Un googol è un numero intero esprimibile con 1 seguito da 100 zeri, pari cioè a 10100 o 10.000 decaexilioni. Il termine è stato ideato dal matematico americano Edward Kasner nel 1938 nel suo libro Matematica e immaginazione. Il nome gli fu suggerito dal nipotino di soli nove anni, Milton Sirotta.

Il googool era stato scelto inizialmente dai fondatori di Google come nome del motore di ricerca più famoso al mondo. Secondo loro rendeva bene l'immensità del web. Il nome però era già utilizzato da un altro sito, così optarono, alla fine, per la parola Google.