Si dice presepe o presepio?

 Stampa
presepe

Oltre all'immancabile albero, un altro simbolo della tradizione natalizia è il presepe...o presepio? Scopri con Focus Junior la forma corretta!

Il muschio per fare l'erba, le statuette dei pastori che accorrono alla grotta, il bue, l'asinello, i Re Magi, le idee creative per rendere il tutto più realistico: la magia del presepe è davvero quel tocco in più per assaporare appieno l'atmosfera natalizia.

 

Ma perché alcuni dicono "presepe" e altri "presepio"? Qual è la forma corretta?

Presepe o Presepio, questo è il dilemma!

Per risolvere il dubbio ancora una volta ci viene in soccorso l'Accademia della Crusca, somma autorità in fatto di lingua italiana, la quale dice che...vanno bene tutte due!

La parola presepe (o presepio) viene infatti dal latino praesaepe, e in origine si riferiva solo alla mangiatoia dove veniva deposto il bambin Gesù. Solo nei secoli successivi l termine presepe (o presepio) è finito per indicare l'intera rappresentazione della Natività.

Già nella lingua latina però esisteva una forma alternativa, praesepium, e tale dualismo si è mantenuto nel corso dell'evoluzione dell'italiano.

 

Lo stesso Alessandro Manzoni, uno dei padri dell'italiano moderno, utilizza entrambe le forme, addirittura nello stesso testo:

 

La mira Madre in poveri

panni il Figliol compose,

e nell'umil presepio

soavemente il pose;

e l'adorò: beata!

innanzi al Dio prostrata,

che il puro sen le aprì.

 

Senza indugiar, cercarono

l'albergo poveretto

que' fortunati, e videro,

siccome a lor fu detto,

videro in panni avvolto,

in un presepe accolto,

vagire il Re del Ciel.

 

Se lo dice il Manzoni, dunque possiamo fidarci!

FONTE: Accademia della Crusca

23 Dicembre 2016 | Aggiornato il 04 Dicembre 2017
Non ci sono ancora commenti!
Per poter aggiungere un commento fai login oppure registrati!

SEGUICI        
ABBONATI
© 2016 Mondadori Scienza Spa | P.IVA 09440000157 | Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.