Categories: Grammatica

Preposizioni articolate e preposizioni semplici

Nella grammatica italiana viene chiamata preposizione una parte invariabile del discorso che crea un legame tra le parole e le frasi. La parola preposizione viene dal latino “praeponere”, porre davanti. Le preposizioni possono essere semplici e articolate. Le preposizioni articolate si formano unendo una preposizione semplice con un articolo determinativo (il lo la i gli le).

PREPOSIZIONI SEMPLICI 

Le preposizioni semplici introducono i complementi e formano le preposizioni articolate (sotto). Ma quali sono le preposizioni semplici?

  • DI
  • A
  • DA
  • IN
  • CON
  • SU
  • PER
  • TRA
  • FRA

LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE: COSA SONO E QUANDO SI USANO

  • di + il = del
    Si usa negli stessi casi della preposizione “di” quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
    Es: Il pelo del gatto.
  • di + la = della
    Si usa negli stessi casi della preposizione “di” quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
    Es: La borsetta della nonna.
  • di + i = dei
    Si usa negli stessi casi della preposizione “di” quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
    Es: Nella maggior parte dei casi.
  • di + gli = degli
    Si usa negli stessi casi della preposizione “di” quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per vocale.
    Es: L’istinto degli animali.
  • di + le = delle
    Si usa negli stessi casi della preposizione “di” quando il nome che segue è femminile plurale e comincia sia per vocale che per consonante.
    Es: Il colore delle piastrelle.
  • dell’
    Si usa negli stessi casi di “del” e “della” quando il nome che segue comincia per vocale, (sia maschile sia femminile).
    Es: Gli abitanti dell’ Asia.
  • a + il = al
    Si usa negli stessi casi di “a” , quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
    Es: Oggi vado al mare.
  • a + i = ai
    Si usa negli stessi casi di ” a” , quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
    Es: Bisogna dare da mangiare ai cani.
  • a + gli = agli
    Si usa negli stessi casi di ” a” , quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per vocale.
    Es: Bisogna dirlo agli altri.
  • a + la = alla
    Si usa negli stessi casi di ” a” , quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
    Es: Bisogna chiederlo alla mamma.
  • a + le = alle
    Si usa negli stessi casi di ” a” , quando il nome che segue è femminile plurale e comincia sia per consonante che per vocale.
    Es: Bisogna dare da mangiare alle mucche.
  • all’
    Si usa negli stessi casi di “alla” e “al” , con nomi che iniziano per vocale.
    Es: Devi andare all’ ospedale, è necessario chiedere all’ infermiera.
  • da + il = dal
    Si usa negli stessi casi di “da” quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
    Es: Il vento che arriva dal Nord.
  • da + i = dai
    Si usa negli stessi casi di “dal” quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
    Es: Andiamo a pranzo dai nonni.
  • da + gli = dagli
    Si usa negli stessi casi di “dai” quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per vocale.
    Es: Vado ad abitare dagli zii.
  • da + la = dalla
    Si usa negli stessi casi di “da” quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
    Es: Vado ad abitare dalla zia
  • da + le = dalle
    Si usa negli stessi casi di “dalla” quando il nome che segue è femminile plurale e comincia per consonante o per vocale.
    Es: Ho tolto i piatti dalle scatole.
  • dall’
    Si usa negli stessi casi di “dal” e “dalla” quando il nome che segue comincia per vocale.
    Es: Era roso dall’ ansia, dall’ odio.
  • in + il = nel
    Si usa negli stessi casi di “in” quando il nome a cui si riferisce è maschile singolare e comincia per consonante.
    Es: Nel mare.
  • in + la = nella
    Si usa negli stessi casi di “in” , quando il nome a cui si riferisce è femminile singolare e comincia per consonante.
    Es: Nella casa.
  • in + i = nei
    Si usa negli stessi casi di “in”, quando il nome a cui si riferisce è maschile plurale e comincia per consonante.
    Es: Nei casi.
  • in + gli = negli
    Si usa negli stessi casi di “in” quando il nome a cui si riferisce è maschile plurale e comincia per vocale.
    Es: Negli occhi.
  • in + le = nelle
    Si usa negli stessi casi di “in” quando il nome a cui si riferisce è femminile plurale e comincia per consonante.
    Es: Nelle case.
  • nell’
    Si usa negli stessi casi di “nel” e “nella” quando i nomi che seguono cominciano per vocale.
    Es: C’era un buon profumo nell’aria, nell’ andìto era buio (l’andìto è il corridoio di casa).
  • su + il = sul
    Si usa negli stessi casi di “su” quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
    Es: La gatta sul tetto.
  • su + i = sui
    Si usa negli stessi casi di “sul” quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
    Es: La casa dava sui colli circostanti.
  • su + gli = sugli
    Si usa negli stessi casi di “sui” quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
    Es: Arrampicarsi sugli specchi.
  • su + la = sulla
    Si usa negli stessi casi di “su” quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
    Es: La cometa si posò sulla capanna.
  • su + le = sulle
    Si usa negli stessi casi di “sulla” quando il nome che segue è femminile plurale e comincia per consonante o per vocale.
    Es: Sulle case, sulle ali.
  • sull’
    Si usa negli stessi casi di “sul” e “sulla” quando il nome che segue comincia per vocale.
    Es: Sull’ orlo, sull’ aria.

Hai dei dubbi su quali sono e come si coniugano i verbi irregolari della lingua italiana?

Continua a ripassare!

Congiunzioni, cosa sono?

Pronomi personali, cosa sono e a cosa servono

Articoli: determinativi, indeterminativi, partitivi

 

This post was last modified on 5 marzo 2024 9:23

Share

Recent Posts

Maratona di Londra 2024: tra record e curiosità

Una corsa storica con costumi da urlo: La Maratona di Londra 2024 uno spettacolo di…

23 aprile 2024

Il 23 aprile è la Giornata Mondiale del Libro (e delle rose)!

Cosa c'entrano le rose con una giornata dedicata alla lettura? Scopriamo insieme le origini ed…

23 aprile 2024

Perché si festeggia la festa della mamma?

La festa della mamma si festeggia la seconda domenica di maggio. Ma come proprio questa…

22 aprile 2024

Giornata della Terra 2024: tutto quello che devi sapere

Anche quest’anno Earth Day Italia celebra a Roma questa giornata. Da giovedì 18 a domenica…

22 aprile 2024

Proteggiamo la nostra casa: il 22 aprile è la Giornata della Terra

Nella giornata dedicata alla causa ambientale, iniziative ed eventi sparsi per il mondo ci chiamano…

22 aprile 2024

21 aprile 753 a.C: la Fondazione di Roma

Il 21 aprile si celebra il "compleanno" della Città Eterna, un evento a metà tra…

22 aprile 2024
Loading