Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Italiano > Grammatica > Preposizioni articolate e preposizioni semplici

Preposizioni articolate e preposizioni semplici

Stampa
Preposizioni articolate e preposizioni semplici
Focus Junior

Non sei sicuro di quali siano le preposizioni articolate e quali le preposizioni semplici? Ecco la guida di Focus Junior!

Nella grammatica italiana viene chiamata preposizione una parte invariabile del discorso che crea un legame tra le parole e le frasi. La parola preposizione viene dal latino "praeponere", porre davanti.
Le preposizioni possono essere semplici e articolate. Queste ultime si formano unendo una preposizione semplice con un articolo determinativo (il lo la i gli le).

PREPOSIZIONI SEMPLICI E PREPOSIZIONI ARTICOLATE

Le preposizioni semplici sono

DI
A
DA
IN
CON
SU
PER
TRA
FRA

 

Le preposizioni articolate sono

PREPOSIZIONI ARTICOLATE: COME SI FORMANO  E COME SI USANO

di + il = del
Si usa negli stessi casi della preposizione "di" quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
Es: Il pelo del gatto.

di + la = della
Si usa negli stessi casi della preposizione "di" quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
Es: La borsetta della nonna.

di + i = dei
Si usa negli stessi casi della preposizione "di" quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
Es: Nella maggior parte dei casi.

di + gli = degli
Si usa negli stessi casi della preposizione "di" quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per vocale.
Es: L'istinto degli animali.

di + le = delle
Si usa negli stessi casi della preposizione "di" quando il nome che segue è femminile plurale e comincia sia per vocale che per consonante.
Es: Il colore delle piastrelle.

Hai dei dubbi su quali sono e come si coniugano i verbi irregolari della lingua italiana?

Usare bene le preposizioni articolate

dell'
Si usa negli stessi casi di "del" e "della" quando il nome che segue comincia per vocale, (sia maschile sia femminile).
Es: Gli abitanti dell' Asia.

a + il = al
Si usa negli stessi casi di "a" , quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
Es: Oggi vado al mare.

a + i = ai
Si usa negli stessi casi di " a" , quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
Es: Bisogna dare da mangiare ai cani.

a + gli = agli
Si usa negli stessi casi di " a" , quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per vocale.
Es: Bisogna dirlo agli altri.

a + la = alla
Si usa negli stessi casi di " a" , quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
Es: Bisogna chiederlo alla mamma.

a + le = alle
Si usa negli stessi casi di " a" , quando il nome che segue è femminile plurale e comincia sia per consonante che per vocale.
Es: Bisogna dare da mangiare alle mucche.

all'
Si usa negli stessi casi di "alla" e "al" , con nomi che iniziano per vocale.
Es: Devi andare all' ospedale, è necessario chiedere all' infermiera.

da + il = dal
Si usa negli stessi casi di "da" quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
Es: Il vento che arriva dal Nord.

da + i = dai
Si usa negli stessi casi di "dal" quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
Es: Andiamo a pranzo dai nonni.

da + gli = dagli
Si usa negli stessi casi di "dai" quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per vocale.
Es: Vado ad abitare dagli zii.

da + la = dalla
Si usa negli stessi casi di "da" quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
Es: Vado ad abitare dalla zia

da + le = dalle
Si usa negli stessi casi di "dalla" quando il nome che segue è femminile plurale e comincia per consonante o per vocale.
Es: Ho tolto i piatti dalle scatole.

dall'
Si usa negli stessi casi di "dal" e "dalla" quando il nome che segue comincia per vocale.
Es: Era roso dall' ansia, dall' odio.

in + il = nel
Si usa negli stessi casi di "in" quando il nome a cui si riferisce è maschile singolare e comincia per consonante.
Es: Nel mare.

in + la = nella
Si usa negli stessi casi di "in" , quando il nome a cui si riferisce è femminile singolare e comincia per consonante.
Es: Nella casa.

in + i = nei
Si usa negli stessi casi di "in", quando il nome a cui si riferisce è maschile plurale e comincia per consonante.
Es: Nei casi.

in + gli = negli
Si usa negli stessi casi di "in" quando il nome a cui si riferisce è maschile plurale e comincia per vocale.
Es: Negli occhi.

in + le = nelle
Si usa negli stessi casi di "in" quando il nome a cui si riferisce è femminile plurale e comincia per consonante.
Es: Nelle case.

nell '
Si usa negli stessi casi di "nel" e "nella" quando i nomi che seguono cominciano per vocale.
Es: C'era un buon profumo nell'aria, nell' andìto era buio (l'andìto è il corridoio di casa).

su + il = sul
Si usa negli stessi casi di "su" quando il nome che segue è maschile singolare e comincia per consonante.
Es: La gatta sul tetto.

su + i = sui
Si usa negli stessi casi di "sul" quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
Es: La casa dava sui colli circostanti.

su + gli = sugli
Si usa negli stessi casi di "sui" quando il nome che segue è maschile plurale e comincia per consonante.
Es: Arrampicarsi sugli specchi.

su + la = sulla
Si usa negli stessi casi di "su" quando il nome che segue è femminile singolare e comincia per consonante.
Es: La cometa si posò sulla capanna.

su + le = sulle
Si usa negli stessi casi di "sulla" quando il nome che segue è femminile plurale e comincia per consonante o per vocale.
Es: Sulle case, sulle ali.

sull'
Si usa negli stessi casi di "sul" e "sulla" quando il nome che segue comincia per vocale.
Es: Sull' orlo, sull' aria.

Continua a ripassare!

CONGIUNZIONI, COSA SONO?

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche