Il pronome è una particella del discorso che sostituisce un elemento della frase per evitare inutile ripetizioni e rendere più scorrevole il testo. “Pronome” infatti proviene dal latino pro-nomen ed è più o meno traducibile con “al posto del nome“.

Questo non significa però che questa particella sostituisca solo i nomi: il pronome può essere utilizzato anche al posto di un’altra parte del discorso (un aggettivo, un verbo o anche un altro pronome) o persino di un’intera frase:

Es: Il dado è tratto. Lo disse Giulio Cesare –> In questo caso il pronome “lo” si riferisce all’intera frase precedente.

I TIPI DI PRONOME

I pronomi si classificano in base al contesto e al tipo di significato che assumono all’interno del testo.

I pronomi personali sono quelli più riconoscibili perché, tenendo fede alla loro derivazione latina, sostituiscono i nomi.

Sono: io, tu, egli, ella, esso, essa, noi, voi, essi. A seconda della funzione poi, si differenziano tra pronomi personali soggetto e pronomi personali complemento.

Ma esistono anche tante altre tipologie:

      • PRONOMI POSSESSIVI: ci dicono a chi appartiene l’elemento della frase cui si fa riferimento. Sembrano aggettivi, ma hanno una funzione completamente diversa.

Es: La nostra (aggettivo) classe è blu, la vostra (pronome) è rossa.

Sono pronomi possessivi: mio, tuo, suo, nostro, vostro, loro, proprio e altrui

      • PRONOMI DIMOSTRATIVI: indicano la posizione nello spazio e nel tempo rispetto alla persona che parla o ascolta.

Es: Questo maglione (vicino a chi parla) l’ho comprato in America. 

Sono pronomi dimostrativi: questo/a, codesto/a, ciò, colui, colei, costui, costei, coloro, quello/a ecc…

      • PRONOMI RELATIVI: mettono in relazione tra loro due proposizioni diverse.

Es: Laura ha sentito Marco che parlava al telefono.

Qui il “che” sostituisce il nome di Marco e unisce le due frasi.Sono pronomi relativi: che, cui, il quale, la quale ecc…

      • PRONOMI ESCLAMATIVI: introducono una frase esclamativa, che esprime un’emozione forte di gioia, stupore, paura ecc…

Es: Che noia!

  • Sono pronomi esclamativi: chi, che, quale, quanto
    • PRONOMI INTERROGATIVI: introducono una domanda diretta o indiretta.

Es: Chi ha mangiato il mio panino?

Sono pronomi interrogativi: chi, che, quale, quanto.

  • PRONOMI INDEFINITI: si riferiscono ad un elemento senza specificarne la quantità o le qualità

Es: Ciascuno faccia quello che ritiene giusto / Tanti mangiavano, altri andavano a riposarsi.

Sono pronomi indefiniti: uno, qualcuno, alcuni/e, molti, nessuno/a ecc

This post was last modified on 12 febbraio 2024 9:25

Share

Recent Posts

Perché si festeggia la festa della mamma?

La festa della mamma si festeggia la seconda domenica di maggio. Ma come proprio questa…

20 aprile 2024

21 aprile 753 a.C: la Fondazione di Roma

Il 21 aprile si celebra il "compleanno" della Città Eterna, un evento a metà tra…

20 aprile 2024

Perché il 25 aprile è Festa della Liberazione d’Italia?

Il 25 aprile è la festa della Liberazione. Ma da che cosa? Perché facciamo festa?…

20 aprile 2024

La Resistenza fu veramente una “Guerra civile”?

La Resistenza italiana, semplicemente Resistenza, anche detta Resistenza partigiana o Secondo Risorgimento, fu l'insieme di…

19 aprile 2024

Film: Vita da gatto

Cosa succede quando un gatto di città scopre la natura? Lo racconta “Vita da Gatto”,…

18 aprile 2024

Diventa anche tu un supereroe green

Il “Progetto Scuole E.ON” porta in classe la sostenibilità per coinvolgere ragazze e ragazzi a…

18 aprile 2024
Loading