Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Italiano > Avverbi > Gli avverbi di modo, di tempo, di luogo e tutti gli altri

Gli avverbi di modo, di tempo, di luogo e tutti gli altri

Stampa
Gli avverbi di modo, di tempo, di luogo e tutti gli altri
Shutterstock

Ecco la guida per imparare tutto, ma proprio tutto, sugli avverbi di modo, di tempo e di luogo!

L'avverbio è una parte invariabile del discorso e serve per modificare o precisare il significato di un verbo, di un aggettivo o di un altro avverbio.

In base alla forma, gli avverbi si suddividono in

- PRIMITIVI: radice + desinenza 
Es: bene, male
- DERIVATI: si formano aggiungendo i suffissi -mente e -oni
Es: velocemente
- COMPOSTI: formati dall'unione di più parole
Es: in+fatti
- LOCUZIONI AVVERBIALI: insieme di più parole con un unico significato
Es: di corsa, di fretta, di sopra, di sotto...

TIPI DI AVVERBI

Ogni avverbio può essere

di MODO rispondendo alla domanda "come?"
Es: bene, male, forte, piano, tristemente...

di TEMPO rispondendo alla domanda "quando?"
Es: ieri, oggi, poco fa, talvolta...

di LUOGO rispondendo alla domanda "dove?"
Es: lì, qui, sopra, sotto...

di QUANTITÀ rispondendo alla domanda "quanto?"
Es: poco, tanto, troppo, assai...

di GIUDIZIO o VALUTAZIONE 
Es: negativamente, positivamente...

di AFFERMAZIONE
Es: sì, certo, senza dubbio...

di NEGAZIONE
Es: no, non, niente affatto...

di DUBBIO
Es:. forse, probabilmente, quasi quasi...

PRESENTATIVO
Es: ecco

INTERROGATIVO
Es:.dove? quando? come? perché?

ESCLAMATIVO
Es: come! quanto!

I GRADI DELL'AVVERBIO

Ogni avverbio può avere delle gradazioni che variano un po' il significato dell'avverbio stesso (come accade negli aggettivi).

POSITIVO
es. velocemente

COMPARATIVO  (ed esiste di 3 tipi)
di MAGGIORANZA
es. più velocemente
di MINORANZA
es. meno velocemente
di UGUAGLIANZA
es. tanto velocemente quanto

SUPERLATIVO (ed esiste di 2 tipi)
ASSOLUTO
es. velocissimamente
RELATIVO
es. il più velocemente

PER DISTINGUERE GLI AVVERBI DALLE ALTRE PARTI DEL DISCORSO BASTA RICORDARE CHE:

- gli aggettivi accompagnano sempre un sostantivo e concordano con quello in genere e numero, mentre gli avverbi no

Esempio
Luigi aveva molta fame: molta è aggettivo
Gianpaolo ha studiato molto: molto è un avverbio e si riferisce al verbo

- le congiunzioni collegano sempre due elementi, mentre gli avverbi si riferiscono ad uno solo

Esempio
Gli avversari fecero come ci aspettavano: come lega "fecero" e "ci"
Come sei bravo a recitare!: qui,  come non lega nulla, è un avverbio esclamativo

- le preposizioni introducono sempre un sostantivo o un pronome

Esempio
Sopra la sedia c'è il gatto: sopra è una proposizione
Guarda il tavolo, sopra ho lasciato le chiavi: sopra è un avverbio

- le particelle ci e vi possono essere o pronomi o avverbi. Quando indicano stato in luogo o moto da luogo, sono avverbi, in tutti gli altri casi sono pronomi

Esempio
Nel lago ci sono i pesci: ci è avverbio
Ora vi racconterò la mia storia: vi è pronome