Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Come non agitarsi durante un’interrogazione

Come non agitarsi durante un’interrogazione

Stampa
Come non agitarsi durante un’interrogazione

Ansia da verifica? Interrogazione in vista? Ecco la mini guida di Focus Junior contro il batticuore dello studente.

Capita a tutti. Hai cercato di rimandare sempre più il fatidico momento. Una febbre improvvisa e fortunosa ti ha costretto per giorni a letto e l'ultima volta, la penna dell'insegnante si è fermata sul cognome precedente al tuo. Ma questa volta è inutile sperare di non essere il prescelto: domani avrai l'interrogazione!

L'ansia ti prende e non riesci a concentrarti. Ma niente paura basta seguire questi semplici consigli e con un pizzico di fortuna tutto andrà a gonfie vele.

STUDIARE E RIPETERE

Per evitare un batticuore improvviso e incontrollabile non ti resta che studiare e preparati bene. Più sarai padrone della materia, più il tuo cuore smetterà di battere all’impazzata . Se durante l’anno scolastico hai sempre studiato sarà tutto facile. Basterà ripetere con attenzione (magari con l’aiuto di un adulto) e ad alta voce e farai un figurone o almeno eviterai di fare scena muta.

Il blocco dello studente, infatti, è una cosa molto comune: gli occhi sono tutti puntati su di te e se le nozioni non sono ben radicate nella tua testa le emozioni prenderanno il sopravvento.

Hai studiato tanto ma il voto non è pari al tuo impegno? Ecco allora qualche utile trucchetto:

REGOLA N°1: CALMA E SANGUE FREDDO

Qui devi sfoderare tutta la tua spavalderia e capacità di calmarti. Qualche respiro profondo prima di alzarti e concentrazione aiutano tantissimo in situazioni come queste. L’apparenza inganna ma aiuta pure: devi sembrare calmo e coraggioso. Un sorriso, le spalle dritte e il petto in fuori. L’insegnante apprezzerà.

REGOLA N°2:  ASCOLTARE

Ascoltare quello che ti chiede l’insegnante è uno dei segreti per capire bene quello che ci ha chiesto e anche per iniziare a parlare. Magari un aiutino te lo dà proprio la domanda ...e chi ben comincia è a metà dell’opera. Quindi: orecchie all’erta!

Uno dei modi per non agitarsi durante l’interrogazione è sicuramente esprimersi in modo chiaro e soprattutto non essere frettolosi. La fretta fa sbagliare e fa aumentare le emozioni.

Cosa manca? La creatività.

Spesso se si ascolta bene la domanda e si sfodera un po’ di fantasia...si riesce a ottenere un ottimo risultato...magari anche divertendosi un po’.

E se tutto questo non funziona? Niente paura: la prossima volta, con un po’ di studio in più, andrà tutto bene! Nel frattempo leggi i nostri consigli su come studiare bene in poco tempo .