Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Inglese > False friends e simili: scopri gli errori più comuni della lingua inglese

False friends e simili: scopri gli errori più comuni della lingua inglese

Stampa
False friends e simili: scopri gli errori più comuni della lingua inglese
Shutterstock

Come parlare correttamente in inglese? Scopriamo insieme gli errori più frequenti degli italiani e... eliminiamoli dalle nostre frasi!

Sapete qual è la più grande difficoltà nell'apprendimento dell'inglese o di una qualsiasi lingua straniera? Il pensiero. In che senso? Quando cerchiamo di parlare in inglese l'errore più grande che facciamo è pensare in italiano e poi tradurre in inglese.

Per parlare correttamente una lingua straniera è importante, infatti, smettere di pensare in italiano. Altrimenti si rischia di cadere nell'inganno dei "False Friends"...

FALSE FRIENDS

Non essendo una lingua neolatina, l'inglese, a contrario di quello che si pensa non è per niente facile per un italiano, anche se la grammatica è più semplice. Vediamo come risolvere questo problema partendo dagli errori più comuni in inglese.

Ci vediamo dopo --- L'errore più comune è tradurre: See you after (after=dopo) ma gli inglesi dicono "See you later" (later=più tardi) People are or is? Cosa si usa? Per gli italiani People è la traduzione del singolare "Gente", ma in inglese "People" è il plurale di "Person" quindi vuole "Are"---People Are (Plurale)

I False Friends ("Falsi Amici") sono la quintessenza di questo equivoco. Essi infatti sono delle parole molto simili a termini italiani, ma dotati di un significato completamente diverso.

Ecco qualche esempio:

  • Eventually: non "eventualmente" ma "alla fine"
  • Incident: non "incidente" bensì "evento"
  • Library: non "libreria" ma "biblioteca"
  • Sympathy: non "simpatia" ma "compassione"
  • Parents: non "parenti" ma "genitori"
  • Stamp: non "stampa" ma "francobollo"
  • To abuse: non "abusar"e ma "approfittare"
  • Chest: non "cesto" ma "petto"
  • Cold: non "caldo", bensì "freddo"
  • Comics: non "comici" ma "fumetti"
  • Dependant: non "dipendente di lavoro", ma "familiare a carico"
  • Lame: non "lame" ma "zoppo"

LEGGI ANCHE: 10 modi di dire...inglese!

LA DOPPIA NEGAZIONE

Un altro errore comune è la doppia negazione: una forma corretta in italiano ed errata in inglese:

I didn't see nobody: non è corretto, abbiamo messo la negazione sia in didn't sia nel pronome nobody.
La forma corretta sarà I didn't see anyone

LE S PER LA TERZA PERSONA SINGOLARE PRESENTE

È una regola basilare e importantissima. Da non dimenticare assolutamente. Vale per tutti i verbi coniugati alla terza persona singolare presente.

She writes e non She Write (Lei scrive)

"UN PO' DI..."

È sbagliato tradurre letteralmente dall'italiano e usare a little of. Bisogna usare: " some ".

I would like some juice (Vorrei un po' di succo di frutta).

Insomma, ragazzi, se stiamo attenti a questi piccoli accorgimenti e iniziamo a pensare in inglese abbiamo un'arma in più per evitare tante incomprensioni!