Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Grammatica | Nomi concreti e nomi astratti, sinonimi e contrari

Grammatica | Nomi concreti e nomi astratti, sinonimi e contrari

Stampa
Grammatica | Nomi concreti e nomi astratti, sinonimi e contrari

Impariamo ad usare con consapevolezza tutte le sfaccettature della lingua italiana! Oggi scopriremo i nomi concreti, i nomi astratti e... i sinonimi e i contrari!

La lingua italiana è meravigliosa perché molto varia ed è in grado pertanto di descrivere con parole adatte ogni aspetto della realtà, facendo anche capire a coloro con cui si sta parlando emozioni e punti di vista (per esempio, con il semplice uso di un dispregiativo, posso far capire come una certa cosa non mi piaccia affatto).

Conoscere bene l'italiano e saperne sfruttare appieno l'ampio vocabolario e la musicalità (cioè la dolcezza dei suoni) a seconda delle occasioni, sarà perciò uno strumento in più per affrontare le situazioni tutti i giorni!

Nomi astratti e nomi concreti

Una lingua completa deve essere in grado non solo di descrivere la realtà e gli oggetti materiali visibili, ma anche concetti ed idee che danno voce ai nostri pensieri.

In questa immagine l'oggetto concreto è la lampadina, il concetto astratto è l'idea!
Credits: Ipa-agency

  • NOMI CONCRETI: indicano esseri viventi, piante ed oggetti reali, che possiamo cioè percepire attraverso i sensi.
    ES: COMPUTER, CASA, PAVONE, CIELO...
  • NOMI ASTRATTI : indicano esseri o cose astratte, non percepibili attraverso i sensi, ma che possono essere conosciuti attraverso la nostra mente, come i sentimenti o le idee.
    ES: il concetto di LIBERTÀ, l'AMORE, il RISPETTO, l'AMICIZIA...

Sinonimi e contrari

Proprio perché l'italiano è una lingua varia, noi possiamo utilizzare più parole per esprimere lo stesso concetto (magari con sfumature leggermente diverse):

  • SINONIMO: una parola che ha un significato simile ad un'altra. ES: CASA--> ABITAZIONE, DIMORA, ALLOGGIO
  • CONTRARIO  una parola il cui significato è opposto a quello di un'altra parola. ES: FELICITA'/TRISTEZZA, BENE/MALE...
E per finire...

Le onomatopee

Come già detto, l'italiano è anche una lingua musicale, perfetta per poesie e canzoni. esistono parole infatti, la cui pronuncia richiama un suono o un rumore cui fa riferimento: queste parole sono ONOMATOPEICHE.
ES: CIP CIP (il cinguettio degli uccellini), BANG! (lo sparo)...

FONTE: " Il Quaderno delle Regole di Italiano " di Milena Catucci, La Fabbrica dei Segni Editore.
COMPLETA IL RIPASSO DELLA MORFOLOGIA DEL NOME, CON I PREFISSI E I SUFFISSI , E LE RADICI E DESINENZE !