Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Grammatica | I gradi dell’aggettivo: positivo, comparativo e superlativo

Grammatica | I gradi dell’aggettivo: positivo, comparativo e superlativo

Stampa
Grammatica | I gradi dell’aggettivo: positivo, comparativo e superlativo

Comprendiamo i vari modi per indicare il possesso di una certa qualità! Oggi ripasseremo insieme i gradi dell'aggettivo: positivo, comparativo e superlativo!

Gli aggettivi qualificativi, oltre a definire le qualità relative ad un elemento cui fanno riferimento, possono anche definire in quanta misura tali qualità siano presenti rispetto ad altri referenti. 
ES: Andrea è più simpatico di Alessandro---> Si indica che la qualità della simpatia è più                                                                           presente nel referente "Andrea", rispetto al                                                                           referente "Alessandro"
I gradi dell'aggettivo quindi, servono per delineare il rapporto di qualità tra due o più elementi della frase.

 

I gradi dell'aggettivo

GRADO POSITIVO: È l'aggettivo nella sua forma base. ES: BELLO, CATTIVO, BASSO, LARGO, SCURO, FORTE...
GRADO COMPARATIVO: Indica un paragone , un confronto, tra due elementi (il primo ed il secondo termine di paragone). La comparazione può essere di 3 tipi: Comparativo di maggioranza: Stabilisce che il primo termine di paragone, possiede una qualità in misura maggiore rispetto al secondo termine di paragone. ES: Mio papà (1° termine di paragone) è  PIÙ ALTO di mia mamma (2° termine di paragone)
2.  Comparativo di minoranza:  Indica che il primo termine di paragone possiede una qualità in misura inferiore rispetto al secondo termine di paragone.
ES: Maria è MENO GRANDE di Paola
3.  Comparativo di uguaglianza: Si manifesta quando entrambi i termini di paragone detengono in egual misura la qualità riportata.
ES: Saverio è bravo a giocare a calcio TANTO QUANTO Paolo.
GRADO SUPERLATIVO: Indica il grado massimo di possedimento di una certa qualità Superlativo relativo: Quando un elemento della frase possiede in misura maggiore una qualità rispetto ad un gruppo di persone o di oggetti: ES: Katia è la giocatrice PIÙ FORTE DELLA SQUADRA
2.  Superlativo assoluto: Quando un elemento della frase possiede una qualità al massimo livello, senza confronti con altri termini di paragone.
ES: "Giacomo è INTELLIGENTISSIMO".  "La mia insegnante è ESTREMAMENTE preparata"
FONTE: " Il Quaderno delle Regole di Italiano " di Milena Catucci, La Fabbrica dei Segni Editore. 
CONOSCI BENE GLI AGGETTIVI ? RIPASSALI CON FOCUS JUNIOR!
Di Niccolò De Rosa

 

ULTIME NEWS
Natale: 10 libri indimenticabili
Condividi
Come si fa a diventare agente segreto
Condividi
Chi sono le spie nella realtà
Condividi