Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Da cosa derivano le parolacce?

Da cosa derivano le parolacce?

Stampa
Da cosa derivano le parolacce?

Qualche volta ci scappano anche se non è educato usarle. Sta di fatto che le parolacce fanno da sempre parte della lingua parlata. Da cosa derivano? Chi le ha inventate? Te lo spiega Focus Junior!

Qualcuno penserà: le parolacce grande invenzione! Ma non sono state propriamente inventate, piuttosto si sa che hanno origini antichissime ! All’inizio erano imprecazioni : nei momenti di rabbia gli uomini primitivi si sfogavano pronunciando nomi vietati (quelli sacri o dei morti). Poi sono nate le maledizioni : formule magiche per far soccombere il nemico, augurandogli ogni male. Quando non si è più creduto al potere magico delle parole , sono nati gli insulti : le offese fini a se stesse, usando parole per lo più sgradite alla morale comune. 
Anche se hanno perso il loro alone di magia , però, le parolacce conservano ancora un potere, quello liberatorio . Una piccola imprecazione al momento giusto può servire a sfogarsi e stare subito un po' meglio. La scienza ha provato che, nel caso di un forte dolore improvviso , tipo il classico libro di scuola che ti cade su piede di spigolo (ahiiii!), una bella parolaccia di sfogo faccia addirittura sopportare meglio il dolore...
Quindi, parolacce sì, insulti no, leggi qui perché .
Meglio non sperimentarne l'efficacia, comunque, e soprattutto meglio non abusarne, soprattutto infarcendo ogni frase di parolacce del tutto inutili .
Tra l'altro, lo sai che se non dici parolacce vai meglio a scuola ? Non ci credi?

 

E tu quante parolacce dici al giorno ? Contale, sii sincero e fai il nostro sondaggio!