Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Come si fa una buona ricerca scolastica?

Come si fa una buona ricerca scolastica?

Stampa
Come si fa una buona ricerca scolastica?

Sul diario, nella lista dei compiti leggete: "fare una ricerca di geografia" ad esempio su una regione italiana a scelta. Restate pensosi a guardare il foglio bianco:  "Da dove inizio?" "Passerò tutto il tempo a cercare informazioni e non riuscirò ad andare a calcetto!" "Come faccio a mettere insieme i pezzi?". Non temete, fare una ricerca scolastica è più semplice di quanto si creda.  Occorre solo avere metodo e seguire i nostri consigli.

Che cosa sapete già sull'argomento?

Una volta stabilito l'argomento, iniziate a pensare a cosa già ne sapete , ragionate sulle cose che vi sembrano più interessanti e su quello che vi piacerebbe sapere di più o approfondire.
Questo passaggio vi aiuterà a definire meglio il taglio da dare alla vostra ricerca.

Scegliete una buona domanda e troverete buone risposte

Ogni buona ricerca parte da una buona domanda. Come nella vita, se ci si pongono delle domande chiare è più facile trovare le risposte giuste. Cosa volete dire con la vostra ricerca? Volete dimostrare una tesi? Volete approfondire un aspetto in particolare? Volete scoprire il perché di qualcosa?

Andate alla fonte

Fate una scaletta (ossia un elenco ordinato) del materiale di cui avete bisogno, ossia delle vostre fonti. Tutto, se visto con lo sguardo investigatore di chi fa ricerca, può essere una fonte d'ispirazione! Ma per il tipo di ricerca che dovrete affrontare voi, libri, esempi pratici, immagini, appunti della lezione e articoli saranno sufficienti.

Cercate il materiale

A questo punto inizia il bello. Avete solo l'imbarazzo della scelta! Potete utilizzare vari strumenti: la ricerca su "carta", la ricerca attraverso internet, oppure potete chiedere consiglio a chi è esperto dell'argomento.

Ogni via è lecita nella ricerca! Siate creativi! Pensate di essere in una strada in una città che non conoscete alla ricerca di informazioni. Come vi comportereste? Ecco, questo è l'approccio da usare. Cosa preferire tra le vecchie pagine dei libri e le pagine web? Entrambe!

Topolini in biblioteca...ma non in trappola!

La ricerca classica tra pagine di libri e riviste non è da considerarsi antiquata, anzi!

Il web, infatti, anche se facile e veloce da consultare non è esaustivo e, spesso, le informazioni che si trovano sono imprecise se non addirittura scorrette (a volte anche quelle della blasonata Wikipedia !).

La buona vecchia biblioteca rimane un'utilissima miniera d'informazioni!
Credits: Ipa-agency

Ecco perché potete usare l’enciclopedia che avete a casa, quella delle biblioteche comunali o quelle della vostra scuola. In biblioteca avrete anche molti vantaggi: consultare liberamente e gratuitamente testi e riviste specializzate o materiale fotografico e video. E potrete prendere in prestito alcuni libri per qualche giorno.

Chiedete consiglio agli addetti della biblioteca, saranno i vostri migliori amici nell'impresa!  Non dimenticate di portare con voi  un blocco d'appunti  su cui scrivere le idee e le informazioni che avete scovato come veri topolini di biblioteca.

La chiave di Google e non solo

Digitare la vostra domanda su Google o in altri motori di ricerca, in effetti, è veloce e semplice. Ma è altrettanto veloce e semplice perdersi. Ecco alcuni trucchi. Scegliete con cura le parole chiave: se i risultati che appaiono sono troppi, aggiungete un'altra parola chiave. Se sono troppo pochi, toglietene qualcuna o cambiate chiave. Usate eventualmente sinonimi. Oppure seguite le indicazioni delle ricerche correlate che trovate in fondo alla pagina dei risultati.

Verificate le informazioni che trovate: non fermatevi al primo sito che vi dice una cerca cosa e non fidatevene ciecamente, cercate conferme.  Archiviate il materiale trovato in una cartella sul computer, salvando i file con un nome che vi ricorderà facilmente di cosa parla quel documento.

La stesura

 

Ora arriva il difficile, ma non troppo
  • Rileggete il materiale raccolto.
  • Selezionate le cose più importanti.
  • Rivedete la scaletta. Un buon metodo è incominciare il vostro testo mettendo in chiaro la domanda che ha mosso la vostra ricerca.
  • Sviluppate e argomentate le informazioni utili a sostenere la vostra tesi riportando notizie, concetti e informazioni ma senza fare il copia e incolla dai siti. Questa, oltre che essere una procedura scorretta, è anche inutile e sciocca: il prof vi sgamerà di sicuro!
  • Alla fine tirate le conclusioni. Immaginate di aver riempito un sacchetto di notizie, informazioni, foto. Per consegnarlo agli altri occorre solo chiuderlo! E il nastro ce lo mettete voi con la vostra creatività e abilità.
ULTIME NEWS