Donna Moderna
FocusJunior.it > Scuola > Che cos’è un referendum?

Che cos’è un referendum?

Stampa

Che cos'è il referendum, lo strumento di democrazia diretta che permette ai cittadini di esprimere il loro parere sulle leggi che promuove il Parlamento? In Italia ne esistono 4 tipi diversi, facciamo un po’ di chiarezza!

Il referendum è uno degli strumenti più importanti a disposizione dei cittadini. Attraverso questo voto "speciale" infatti i vostri genitori e fratelli maggiori hanno il potere di partecipare al processo decisionale sulle leggi dello Stato italiano, compito che normalmente è affidato solo ai parlamentari che decidono in nome dei cittadini. La parola referendum deriva dal verbo latino refero, che significa riferisco, e nella traduzione allargata del termine vuol dire “convocazione per riferire”. I cittadini, infatti, vengono chiamati ad esprimere un parere attraverso il voto su questioni particolarmente importanti.

Il referendum nasce in Svizzera…

È importante che sappiate che il referendum viene definito uno strumento di democrazia diretta. Questa forma di autogoverno nasce nella Grecia antica e consisteva nel permettere a tutti i cittadini, escluse le donne e gli schiavi, di votare le leggi e i provvedimenti dello stato. La pratica, parecchio tempo dopo, è stata ripresa in Svizzera. Quando le assemblee dei cantoni (i piccoli stati di cui si compone il Paese a confine con l'Italia) si riunivano nella capitale, le comunità inviavano i loro delegati che potevano prendere decisioni soltanto con la riserva “ad referendum”. Quelle decisioni, infatti, per essere considerate valide dovevano essere riferite alla comunità, che le doveva approvare. Da questa pratica nasce il referendum moderno che nel corso del Novecento è stato adottato in quasi tutti gli Stati democratici.

Pinterest.com

E in Italia?

Il referendum fa la sua comparsa in Italia nel 1947 quando viene inserito nella Costituzione repubblicana. Le due principali forme di referendum sono:

  • il referendum costituzionale (articolo 138 proprio della Costituzione), detto anche confermativo o sospensivo;
  • e quello abrogativo (art. 75) relativo alle leggi ordinarie.

La differenza principale tra i due è che il primo chiede un parere sulle leggi della Costituzione, il testo che fissa i principi e il funzionamento dello Stato italiano, mentre il secondo permette di cancellare totalmente o in parte una legge ordinaria (tutte quelle che non fanno parte della Costituzione).

Ma non finisce qui…

In Italia esiste anche il referendum regionale, previsto dall'articolo 123 della Costituzione. In questo caso dopo che il Consiglio regionale approva lo statuto (l'insieme delle leggi che fissa il funzionamento della Regione), si può richiedere un referendum nel quale i cittadini possono esprimere il loro parere. Infine, gli articoli 132 e 133 della Costituzione, prevedono il referendum consultivo che è indetto in caso di modifica del territorio delle Regioni o degli Enti locali. Quindi, per esempio, sei vostro comune vuole cambiare i suo confini si deve prima chiedere il permesso ai vostri genitori. In realtà ce ne sarebbe anche un quinto: il referendum istituzionale, ma si è svolto una sola volta nel nostro Paese, nel 1946, in occasione della scelta tra Repubblica e Monarchia.