Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Una nuova specie umana? L’Homo naledi scoperto in Sudafrica

Una nuova specie umana? L’Homo naledi scoperto in Sudafrica

Stampa

In Sudafrica sono stati trovati i resti di una nuova specie di ominide, metà scimmia e metà umano. Vissuto oltre due milioni e mezzo di anni fa, l'Homo naledi potrebbe rappresentare un nuovo tassello nell'evoluzione dell'uomo.

In una grotta in Sudafrica , un team di ricercatori ha trovato numerosi resti di quella che potrebbe essere una nuova specie umana . Una scoperta davvero eccezionale, anzi importantissima! Questa  nuova  specie è stata chiamata Homo naledi (che in lingua locale significa stella ) perché la camera della grotta dove sono stati trovati i resti (è  profonda 40 metri! ) si chiama delle stelle.  Le ossa rinvenute appartengono a una quindicina di esemplari: uomini, donne, bambini , vissuti forse oltre due milioni e mezzo di anni fa , agli albori delle prime specie ominidi (la datazione esatta è ancora incerta e difficile da definire). La grande novità, il fattore che rende naledi unico e importantissimo per la paleoantropologia  è la sua struttura fisica, del tutto nuova rispetto ad altri ritrovamenti a lui contemporanei.

 

Una scoperta importantissima perché...

L'eccezionalità di naledi è che la sua struttura rappresenta un vero mix tra un uomo primitivo, una scimmia e un uomo moderno . Ha infatti una testa da scimpanzé, però con  denti e mascelle umane , un corpo snello e agile con spalle curve da australopiteco ma mani quasi umane, adatte ad arrampicarsi e - sentite questa! -  piedi decisamente moderni nella loro conformazione, tanto da renderli quasi indistinguibili da un moderno piede umano, posti alla fine di due  gambe lunghe per   camminare in posizione eretta.

 

Tra i ricercatori del team di Lee R. Berger c'è anche un italiano! E insieme hanno anche scoperto che...

Ma c'è di più: nella grotta, oltre ai resti umani dei n aledi , non sono stati rinvenuti fossili di alcun animale . I ricercatori pensano quindi che i naledi non vi abitassero, ma che avessero messo volontariamente quei corpi in quel sito (tra l'altro oggi difficilmente accessibile), come per una specie di rito di sepoltura. Sembrerebbe così che questi nostri nuovi pro-pro-progenitori avessero già il culto dei morti  che, tradizionalmente, si ritiene sia invece apparso molto più avanti, con l'avvento addirittura dell' Homo sapiens !

 

Foto: Lee R Berger et al, eLife

 

Leggi anche, sulle pagine del nostro fratellone Focus, le tappe fondamentali della storia dell'uomo , da 55 milioni di anni fa fino a oggi.

 

I ricercatori sono ancora al lavoro. Se queste teorie verranno confermate sarà un grande passo avanti nella paleoantropologia
ULTIME NEWS