Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > La sonda cinese Chang’e-4 è sbarcata sulla luna

La sonda cinese Chang’e-4 è sbarcata sulla luna

Stampa
La sonda cinese Chang’e-4 è sbarcata sulla luna
nasa

La sonda cinese Chang'e-4 è sbarcata sulla luna, o meglio: è atterrata sul "lato oscuro della Luna" alle 3.26 a.m. ore italiane (10.26 cinesi). Secondo i giornali cinesi, è la prima sonda in assoluto ad atterrare sul lato più lontano della luna, fino ad ora rimasto inesplorato.

Lancio e atterraggio

La missione è iniziata il 7 dicembre 2018: l' Amministrazione spaziale nazionale cinese (CNSA) ha lanciato la sonda Chang'e-4 dal centro di lancio del satellite Xichang in Cina ed è arrivata nell'orbita lunare il 12 dicembre. Trasporta strumenti per analizzare le rocce e il suole e per condurre esperimenti biologici. Chang'e 4 è entrato in un percorso ellittico attorno alla luna sabato scorso, a una distanza di 15 km dalla superficie ed è poi sbarcata nel bacino del Polo Sud-Aitken, il più profondo e antico cratere sulla superficie lunare.

 

Cos'è il lato oscuro della luna e come è fatto
A causa di un fenomeno chiamato "blocco delle maree", dalla terra vediamo solo una faccia della luna. Questo succede perché la rotazione della luna sul proprio asse dura quanto un'orbita terrestre.

I veicoli spaziali hanno già fotografato il lato più lontano della luna: le immagini sono state condivise dai media di stato cinesi.

Gli obiettivi della missione

Le precedenti missioni sulla Luna sono atterrate sul lato rivolto verso la Terra, ma questa è la prima volta che una sonda atterra sul lato nascosto. La missione si propone di effettuare misurazioni dettagliate del terreno lunare e della composizione minerale.

Nello specifico la sonda Chang'e-4 ha lo scopo di esplorare un luogo chiamato cratere Von Kármán, situato all'interno del più ampio bacino del Polo Sud Aitken (SPA) - che si è formato, forse, a causa di un gigantesco impatto all'inizio della storia della Luna.

"Questa enorme struttura ha oltre 2.500 km di diametro e 13 km di profondità, uno dei più grandi crateri da impatto nel Sistema Solare e il più grande, più profondo e antico bacino della Luna", ha raccontato Andrew Coates, professore di fisica presso l' UCL di Mullard Space Science Laboratory (Usa), alla BBC.

Si pensa che il bacino di Aitken si sia formato durante una gigantesca collisione che potrebbe essere stato l'inizio della storia della Luna. Studiare quindi la regolite di questo lato di luna, le rocce frammentate e la polvere che formano la superficie aiuterà a capire come è "nata".