Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > Pianeti > Plutone potrebbe essere un ammasso di vecchie comete!

Plutone potrebbe essere un ammasso di vecchie comete!

Stampa
Plutone potrebbe essere un ammasso di vecchie comete!
Ipa-agency

Un nuovo studio americano suggerisce che il pianeta nano ai margini del Sistema Solare sia stato formato dall'aggregazione di milioni di comete.

Il povero Plutone non trova pace: dopo essere stato declassato da pianeta a pianeta nano, ora potrebbe nuovamente cambiare categoria.

Uno studio proposto dai ricercatori del Southwest Research Institute del Texasinfatti ipotizza che il remoto corpo celeste si possa essere formato grazie all'aggregazione di milioni di comete.

L'interessante teoria, pubblicata sull'autorevole rivista Icarus, è stata avanzata sulla base dei dati raccolti dalle missioni New Horizons (Nasa) e Rosetta (Esa, Agenzia spaziale europea), dati che poi sono stati utilizzati per elaborare un modello di comparazione tra Plutone e la composizione chimica della cometa 67P/Churyumon-Gerasimenko, studiata appunto dalla sonda Rosetta.

Un modello cosmochimico

L'idea è partita dall'osservazione delle caratteristiche chimico-fisiche del ghiacciaio Sputnik Planum, l'enorme cratere ricco di azoto (e a forma di cuore) che si trova su Plutone.

Sputnik Planum, l'immenso ghiacciaio di Plutone.

«C'e'coerenza - spiega Christopher Glein, autore principale dello studio - tra la quantità di azoto stimata dentro il ghiacciaio e quella che ci si aspetterebbe se Plutone fosse stato formato dall'insieme di circa un miliardo di comete o altri oggetti della fascia di Kuiper, che hanno una composizione chimica simile a quella della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, studiata da Rosetta».

Secondo i ricercatori dunque, gli elementi chimici alla base della nascita del pianeta nano non sarebbero che l'eredità dalle comete che hanno
formato Plutone e che poi sono stati modificati dall'acqua liquida che forse era presente in un oceano sotterraneo.

Le domande tuttavia sono ancora troppe per per poter parlare di certezze scientifiche, ma quel che è certo è che ora stiamo iniziando davvero a scavare nel profondo delle origini di questo lontano mondo misterioso.