Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > Pianeti > Il telescopio Kepler ha scovato 10 nuove Terre!

Il telescopio Kepler ha scovato 10 nuove Terre!

Stampa
Il telescopio Kepler ha scovato 10 nuove Terre!
NASA/JPL-Caltech

Il potentissimo telescopio spaziale che scruta l'universo alla ricerca di nuovi corpi celesti ha recentemente trovato 219 nuovi pianeti, di cui dieci avrebbero caratteristiche del tutto simili alla Terra e sarebbero pure abitabili! 

Nulla sfugge all'occhio attento di Kepler. Dopo la scoperta del primo possibile "gemello" della Terra e "l'infornata" di 1.284 nuovi pianeti nel maggio 2016, ecco che il potentissimo telescopio spaziale mette a segno un altro colpo!

 

La Nasa ha infatti diffuso la notizia che Kepler ha scovato altri 219 esopianeti (ossia pianeti fuori dal nostro Sistema Solare) nella Via Lattea.

Ma non finisce qui

Ben dieci di questi nuovi esopianeti avrebbero una composizione rocciosa e risiederebbero nella cosiddetta fascia abitale, ossia ad una giusta distanza dalla loro stella di riferimento per permettere lo sviluppo della vita. Proprio come sulla nostra Terra!

Grazie a queste ultime rivelazioni inoltre, Kepler ha aiutato gli astronomi a capire che nella Via Lattea la maggior parte dei pianeti è suddivisibile in due categorie:

  • Pianeti rocciosi, grandi fino a 1,75 volte la Terra.
  • Pianeti gassosi tipo "mini-Nettuno", grandi dalle 2 alle 3,5 volte la dimensione della Terra.

«Ci piace pensare che questo studio di classificazione dei pianeti sia simile a quello con cui i biologi identificano nuove specie animali - ha spiegato Benjamin Fulton, ricercatore dell’Università delle Hawaii a Manoa e coordinatore dello studio -Trovare due gruppi distinti di esopianeti è come scoprire che mammiferi e lucertole formano due rami distinti dell’albero evolutivo»

Come fa il telescopio Kepler
a scoprire i pianeti?

Il principio è simile al passaggio di una nuvola davanti al Sole: anche se non stiamo guardando il cielo ci accorgiamo della luce che cambia e possiamo intuire che qualcosa sta ostacolando il passaggio di luce

Ecco, in modo simile il telescopio Kepler capta le radiazioni provenienti dalle varie stelle e quando durante i rilevamenti percepisce una variazione di luminosità, significa che qualcosa è passato tra la fonte, la stella, ed i recettori del telescopio: così Kepler scova i pianeti che orbitano intorno alle stelle della Via Lattea!