Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > Pianeti > Il cambiamento climatico ha impedito la vita su Marte?

Il cambiamento climatico ha impedito la vita su Marte?

Stampa
Il cambiamento climatico ha impedito la vita su Marte?

Le analisi degli strati di un grosso cratere su Marte hanno mostrato come, circa 3 miliardi di anni fa, prima dell'innalzamento della temperatura, sul pianeta Rosso ci fossero le condizioni ideali per lo sviluppo della vita. Leggi la storia.

Marte non finisce mai di stupirci. Dagli ultimi dati inviati dal Rover marziano Curiosity, gli scienziati hanno potuto stabilire che per 700 milioni di anni, esattamente tra 3,8 e 3,1 miliardi di anni fa, il Pianeta Rosso è stato abitabile.

 

Quest'ultima, affascinante scoperta è stata esposta sulla rivista Science dal team del Dott. J. A. Hurowitz, il quale si è basato sulle osservazioni del cratere Gale, un'immensa depressione che si estende per oltre 156 km sul suolo di Marte.

Un cratere "a strati"

Tale cratere un tempo ospitava un grosso lago, che però si è completamente prosciugato più di tre miliardi di anni fa.

Il rover Curiosity è andato allora a "curiosare" e ha così scoperto una evidente  stratificazione nelle rocce che mostra le varie fasi della vita del lago.

NASA/JPL-Caltech/MSSS

In particolare agli studiosi è apparsa evidente l'esistenza di due strati principali: uno superficiale, ricco di ossigeno, e uno più profondo con rocce decisamente più fini. Questa diversa composizione avrebbe potuto permettere facilmente la nascita di una grossa varietà di microbi e batteri, favoriti anche dal fatto che in quel preciso periodo (3,8 miliardi dia ani fa, come già è stato detto), la temperatura si stava facendo via via più favorevole alla vita.

Con il passare del tempo però il clima si è fatto troppo caldo, e nel corso dei secoli il lago è andato a evaporare, fino a diventare un deserto completamente asciutto. 

 

Ora il mondo scientifico aspetta con ansia le nuove missioni previste su Marte in modo da continuare a velare i segreti questo strano e sempre più sorprendente pianeta rosso!